Mercoledì 17 Agosto 2011

Marilungo: attenzione al Gubbio
«Non siamo arrabbiati, siamo carichi»

L'avvio di stagione di Guido Marilungo è stato tra i più positivi. Il primo gol della stagione atalantina, il pregevole assist per Padoin contro la Sampdoria e il solito moto perpetuo ad infastidire la difesa avversaria. Una preparazione brillante, grazie anche all'assenza di alcun incidente di percorso, che invece ha condizionato il suo precedente ritiro in maglia blucerchiata della passata stagione.

Lasciato alle spalle il periodo delle amichevoli, l'Atalanta scenderà in campo domenica 21 agosto alle 20.45 al Comunale contro il Gubbio, formazione neopromossa in Serie B, per il turno di Coppa Italia. «Siamo pronti, anche se ovviamente non saremo nelle migliori condizioni come a questo punto succede a tutte le squadre - ha affermato il giocatore marchigiano - Non vediamo l'ora che arrivi domenica, perché ci teniamo a iniziare subito con il piede giusto. Personalmente mi sento abbastanza bene, magari un po' stanco per la preparazione, ma penso che per domenica staremo tutti bene. La categoria di differenza si sentirà, ma adesso non siamo al top e non puoi basarti su quel qualcosa in più che hai. Bisognerà affrontare il Gubbio alla pari, perché potrebbero esserci degli errori in più e ad un certo punto affiorerà la stanchezza».

L'undici anti-Gubbio è ancora in alto mare, non come la voglia dei ragazzi di Colantuono di proseguire il cammino di Coppa più a lungo possibile. «La società non ci ha ancora parlato degli impegni di Coppa, ma ne abbiamo parlato tra di noi e con il mister - continua il giocatore -. Vogliamo andare avanti anche perché più partite si giocano e meglio è, anche perché è più bello allenarsi che giocare. Più andremo avanti e più ci divertiremo. Non abbiamo ancora la più pallida idea della formazione che il mister manderà in campo, visto che sta facendo diversi esperimenti».

Il reparto offensivo atalantino è quello più discusso dell'estate orobica, tra arrivi, acquisti quasi ultimati e cessioni dietro l'angolo.«Maxi Moralez è un ottimo giocatore. Bisogna sfruttare al massimo le sue qualità e bisogna metterlo a suo agio per farlo esprime al massimo. Leggo anche io delle notizie su Denis. Chi andrà via invece sarà per sua volontà: a chi prenderà questa scelta auguro buona fortuna. Il Tir è sempre tranquillo: spero che rimanga, perché oltre ad avere un buon rapporto con lui è un ottimo attaccante; peccato che sia esploso tardi».

La lunga estate del calcioscommesse ha sicuramente contribuito ad aumentare l'orgoglio dei giocatori atalantini. Già in precedenza Colantuono aveva parlato di squadra arrabbiata, questo infine è il pensiero di Marilungo. «Non siamo arrabbiati, ma siamo carichi - spiega il giocatore -. Ci abbiamo fatto il callo di questa situazione: quanto successo ci ha dato soltanto molta carica e voglia di fare».

Intanto al centro Bortolotti di Zingonia l'Atalanta ha continuato la preparazione in vista del match di Coppa con una sfida in famiglia: due tempi da 40' per provare diverse tattiche in vista della prima uscita ufficiale. Da segnalare un terzino destro uruguayano in prova: si tratta del ventiquattrenne Marcelo Rodriguez, in forza in Uruguay al Central Espanol. Consigli è stato costretto ad abbandonare l'incontro a causa di una contusione.

Simone Masper

Primo tempo
Marcatori: Doni, Marilungo, Gabbiadini, Pettinari
Atalanta a: Consigli (18' Facheris), Raimondi, Ferri, Manfredini, Bellini, Pettinari, Barreto, Caserta, Doni, Gabbiadini, Ardemagni
Atalanta b: Frezzolini, Masiello, Capelli, Lucchini, Peluso, Schelotto, Minotti, Padoin, Bonaventura, Tiribocchi, Marilungo.

Secondo tempo
Marcatori: Padoin, Pettinari, Tiribocchi, Schelotto, Bjelanovic
Atalanta c: Frezzolini, Rodriguez, Capelli, Manfredini, Ferri, Schelotto, Minotti, Caserta, Doni, Bjelanovic, Tiribocchi.
Atalanta d: Facheris, Raimondi, Lucchini, Peluso, Bellini, Pettinari, Padoin, Carmona, Bonaventura, Marilungo, Ardemagni.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata