Lunedì 26 Settembre 2011

L'Atalanta si prepara per la Roma
L'ex Brighi: «Se segno esulto»

Annullato il consueto giorno di riposo settimanale, l'Atalanta è già scesa in campo in mattinata per preparare la trasferta di Roma, anticipo della sesta giornata di campionato sabato 1 ottobre alle 18. Matteo Brighi sarà l'ex di turno in casa Atalanta. Il centrocampista romagnolo si è detto sorpreso della partenza della squadra.

“Non mi sarei mai aspettato una partenza su questi livelli - ha affermato -. I punti che abbiamo fatto sono quelli che ci meritiamo e vogliamo continuare così. Sapevamo di partire con la penalizzazione, siamo stati bravi a recuperarla subito: i punti che abbiamo in classifica sono 4 e questa è la nostra realtà. Se dovessimo sederci sugli allori faremmo la cosa sbagliata. Ora andiamo a Roma per provare a far bene, già fare un punto sarebbe un ottimo risultato”.

L'ultimo acquisto della sessione estiva del calciomercato si sta inserendo gradualmente, e con ottimi risultati, negli schemi di Colantuono.“Sono stato accolto benissimo dal gruppo, la condizione sta migliorando giorno dopo giorno. E' stata una settimana intensa: siamo tutti stanchi ed era da un po' che non giocavo tre partite in sette giorni. Non voglio dare percentuali, siamo solo alla quarta partita e non posso essere al massimo della condizione. Qualche gol l'ho fatto in passato e ho già provato qualche inserimento, anche se il modulo è diverso da quello a cui ero abituato”.

L'ex romanista ha presentato così la sfida contro i suoi ex compagni. “Sono una squadra che cerca sempre di giocare e in ogni momento ti possono inventare qualcosa. Dovremo essere bravi a sfruttare le occasioni che ci capiteranno, perché loro dietro qualcosa concedono sempre. E' la prima grande che incontriamo e vogliamo fare vedere che anche contro queste squadre ci siamo. La sfida è difficile, ma ci stiamo prendendo gusto e dimostreremo che non siamo lì per caso. Hanno vinto e mentalmente si sono sbloccati e sarà per loro più facile fare altri risultati. Sarebbe stato meglio affrontarli senza vittorie”.

Farà fatica a rimanere freddo Matteo Brighi quando entrerà in campo all'Olimpico, ma dal fischio d'inizio le emozioni verranno accantonate. “Ho passato 4 anni importanti, ho lasciato tanti amici e tanti bei ricordi. Al fischio dell'arbitro l'emozione svanirà e sarò solo un avversario. Sento ancora Cassetti, De Rossi e qualche altro ragazzo. Totti gioca più lontano dalla porta, ma quando ha il pallone tra i piedi fa ancora quello che vuole. In caso di gol esulterei e non sarebbe una mancanza di rispetto verso nessuno”.

Simone Masper

e.roncalli

© riproduzione riservata