Sabato 07 Gennaio 2012

Comark, a Trento serve il blitz
per salvaguardare la terza poltrona

Superato nel finale e con fatica ma con pieno merito il temuto Casalpusterlengo, nel turno infrasettimanale casalingo di giovedì, per la Comark è di nuovo campionato in quel di Trento. Appuntamento domenica 8 gennaio, con palla a due alle 18.

Si tratta di un altro impegno non agevole in quanto gli avversari guidano la graduatoria del mini girone del nord/est anche se con un bottino di soli due punti in più rispetto al team di Treviglio, a sua volta terzo. Comark che affronterà la trasferta consapevole di poter dire la sua lasciando così in disparte qualsiasi dose di timore reverenziale. Del resto nel match dell'andata capitan Zanella e compagni ebbero ragione dei trentini in maniera disinvolta. Ovvio che per rientrare in sede con la posta in palio, la formazione di coach Adriano Vertemati dovrà fare appello alla determinazione e alla concentrazione profuse nelle giornate di gran vena. In altre parole se la Comark scenderà sul parquet in versione-distratta come a Castelletto Ticino, di prima della pausa per le festività natalizie, accantoniamo subito il benchè minimo discorso trionfalistico.

Sembra, purtroppo, che anche a Trento l'italoargentino Fabi sia costretto a dichiarare forfait: un'assenza importante in quanto la Comark non abbonda di altri «mangiacanestri» di razzi. Meno male che si ha a disposizione il monumentale Vitale, decisivo con i suoi 22 punti mitragliati al Casalpusterlengo. Tra le pedine che dovrebbero alla lunga portare al successo nel Trentino sarà Jacopone Borra, secondo noi tra i migliori giovedì scorso a meno che ci si dimentichi di colpo gli undici rimbalzi da lui tenacemente catturati. Come sempre ipotizziamo il quintetto iniziale: Borra, Zanella, Cazzolato, Vitale, Planezio (complimenti per la sua convincente prova, soprattutto in fase difensiva con Casalpusterlengo). A disposizione dell' ormai conclamato allenatore milanese Marulli, Carnovali, Molinaro, Tomasini e Giacchetta. Arbitrano Noce e Lestingi.

Arturo Zambaldo

fa.tinaglia

© riproduzione riservata