Martedì 31 Gennaio 2012

Tiri liberi sulla Comark:
è Planezio il jolly in più

A volte chi pensa di intendersene porta, se non altro, bene. Un anonimo nostalgico di un ex blasonato club su un forum specializzato in materia, nel parlare dell'exploit della Comark in quel di Bari ha, tra l' altro, scritto «Planezio che non guarda il canestro».

Detto e fatto. A distanza di sei giorni dal focoso blitz in Puglia, Planezio, ala ventenne, bergamasco doc, è risultato guarda un po' tra i protagonisti della vittoria sull'ostico Ferentino, domenica scorsa, al PalaFacchetti.

Questo il suo score: 10 punti realizzati (avrà tirato chiudendo gli occhi); altrettanti rimbalzi e 7 palloni recuperati. Agli eloquenti numeri vanno aggiunte aggressività e determinazione impressionanti.

Trattandosi di un under con già, però, con alle spalle prestazioni convincenti, non può che crescere ancora in tempi ragionevolmente brevi. Ma «baby» Planezio è, comunque, in buona compagnia visto che l'ultimo successo porta le firme pure di Fabi e Cazzolato, 43 anni in due.

Peccato che, in proiezione futura, mentre Planezio è tutto della Comark provendendo gli altri due, scuola Benetton, sono soltanto in prestito, pertanto a rischio di conferma. Riproponendo l'ultimo match contro la formazione laziale, nessuna preoccupazione per le prove così-così di Marino e Borra, la super premiata coppia che ha, praticamente, siglato la ricordata impresa di Bari.

L'importante, ma i dubbi al riguardo sono, pressoché, inesistenti è che il nostro watusso e il regista, all'occorrenza prezioso mangiacanestri, tornino in fretta a intimorire alla grande i contendenti di turno.

Provate a pensare l'incubo che potremmo creare agli avversari allorquando al rientro tra circa un mese del monumentale Vitale coach Vertemati gli assocerà Borra, Zanella, Marino e Fabi (Planezio). Il quintetto di un simile spessore sarebbe da playoff garantito al 110%.

Proviamo a chiederci se anzicchè sprecare oltre tre mesi di campionato fosse stato trattenuto a Treviglio, in estate, Marino quanti punti in più avremmo in classifica? A voi i tribulati calcoli...

Arturo Zambaldo

r.clemente

© riproduzione riservata