Martedì 26 Giugno 2012

Mercato per ora solo in uscita
Si attendono manovre in entrata

In soli 12 mesi al club nerazzurro, ha conquistato fiducia e considerazione incondizionate dalla totalità dei supporter riservate a gran pochi altri predecessori. A sua volta, Pier Paolo Marino si è integrato con la nostra piazza come meglio non si sarebbe proprio potuto richiedere a un campano di origine controllata.

Stima e simpatia Marino se le ha guadagnate operando, innanzittutto, sul terreno preferito, quello del calcio mercato. Suoi e solo suoi i colpacci della scorsa estate, Denis e Cigarini, e a gennaio l'ingaggio di Stendardo. Ribadire che siamo in mani buone è superfluo.

Altrettanto sostenibile è però che ad oggi le voci e qualcosa di più parlano unicamente di pedine in viaggio senza ritorno da Zingonia. E che pedine. Subito l'elenco: Gabbiadini, Peluso e Schelotto, praticamente, con le valigie in mano; già persi o giu di lì Cigarini e Stendardo, il primo rientrato dal prestito al Napoli e il secondo alla Lazio.

Da qui la condivisibile preoccupazione della tifoseria in assenza, ripetiamo, di notizie di trattative in arrivo. Argomento, questo, ripreso pure nella trasmissione «Tutto Atalanta» di lunedì, su Bergamo Tv, proposto dagli sportivi attraverso ripetuti messaggi.

Da non dimenticare, del resto, che i cinque giocatori citati in precedenza hanno costruito con Denis, Moralez e Consigli  l'Atalanta delle meraviglie in grado di collezionare 52 punti sul campo ed eliminare in un batter d'occhio la pesante zavorra inflitta dal giudice sportivo.

Lo stesso mister Stefano Colantuono riteniamo gradisca conoscere il più in fretta possibile l'organico sul quale preparare e confezionare gli schemi tecnici-tattici in vista della prossima stagione. E il 9 luglio, data d'inizio della ripresa dell'attività, dopo le vacanze, non è affatto lontano.

Vero è che, comunque, la campagna acquisti-cessioni si chiuderà il 31 agosto ma l'antico adagio «chi ha tempo non aspetti tempo» per il tifoso sembra una priorità.

Arturo Zambaldo

m.sanfilippo

© riproduzione riservata