Lunedì 02 Luglio 2012

Euro 2012, Italia sconfitta 0-4
Storico «triplete» della Spagna

Peccato, nulla da fare per l'Italia. La Nazionale di Cesare Prandelli è stata sconfitta dalla Spagna a Kiev. Un sonoro 0-4 che lascia l'amaro in bocca dopo che gli Azzurri avevano incantato il pubblico, e non solo quello italiano. Storico «triplete» per gli iberici che per la prima volta conquistano uno dietro l'altro un Europeo, un Mondiale e ancora un Europeo.

Anche a Bergamo migliaia di persone avevano invaso il piazzale degli Alpini per seguire il match dal maxischermo, pronti a scatenarsi in caso di vittoria. Ma la festa purtroppo è andata in fumo. Una sconfitta pesante, che probabilmente la nostra Nazionale non meritava.

Il giocatore che ti è piaciuto di più? Vota il sondaggio


Spagna comunque nettamente più forte, Italia stanchissima. Il tabellino impietoso dice che il rete sono andati Silva, Jordi Alba, Torres e Mata. Tanto di cappello, la Spagna si è dimostrata fortissima, ma anche più fresca mentalmente e atleticamente. Il 4-0 è davvero esagerato e ingiusto.

E qui c'è una riflessione da fare, perchè il calendario di certo non ha dato una mano agli azzurri. Il 24 il quarto di finale con l'Inghilterra finito ai rigori, il 28 la semifinale contro la Germania che aveva avuto due giorni in più di riposo, domenica la finale con la Spagna che aveva giocato un giorno prima rispetto all'Italia.

Non sono alibi e non è un caso se la squadra di Prandelli è stata costretta a giocare in 10 dal 17' della ripresa. Prima l'infortunio di Chiellini nel primo tempo, poi quello di Thiago Motta che era entrato da appena 5 minuti come terzo cambio (Di Natale per Cassano il secondo).

Si comincia con Prandelli che fa un solo cambio rispetto all'11 anti-Germania, dentro Abate, fuori Balzaretti. La Spagna è la stessa del debutto, senza attaccanti: Fabregas centravanti finto, Silva e Iniesta esterni nel tridente.

Giocano bene i campioni d'Europa, fanno girare palla, anche se l'Italia tiene botta fino all'invenzione dei giocolieri iberici: Iniesta imbuca a destra per Fabregas che brucia Chiellini sullo scatto e mette in mezzo per l'accorrente Silva che di testa mette dentro: 1-0 Spagna.

Prandelli perde anche Chiellini per infortunio, al suo posto dentro Balzaretti. La reazione azzurra c'è, l'Italia tiene palla, cerca il varco ma non lo trova, anche se qualcosa crea, ma trova sempre Casillas pronto a sventare le minacce che arrivano dalle fasce.

Gli azzurri ci credono, ci prova Cassano da fuori area, bello il suo destro, ma Casillas in tuffo respinge a pugni chiusi. La notizia è che il possesso palla è azzurro, ma vuol dire poco e al 41' la Spagna raddoppia: Jordi Alba parte come un treno sulla sinistra, Xavi lo vede e gli serve un gran pallone che l'esterno spagnolo trasforma nel 2-0 bucando Buffon.

Si fa durissima, Montolivo prova il destro ma trova Casillas. Nella ripresa Prandelli prova a giocarsi la carta Di Natale che entra al posto di Cassano. Totò-gol va subito vicino alla rete, ma il suo colpo di testa è alto, poi Spagna pericolosissima con Fabregas, Proença ignora un mani in area di Bonucci, poi si rivede l'Italia con Di Natale che scarica su Casillas la palla del 2-1.

Non sono fortunati gli azzurri, restano in 10 per l'infortunio di Thiago Motta appena entrato. La partita finisce qui, Torres e Mata, entrati a partita in corso, infieriscono e segnano altri due gol, finisce 4-0.

r.clemente

© riproduzione riservata