Mercoledì 04 Luglio 2012

La Foppa pesca in Serbia e Usa
In arrivo Klisura, Briwz e Crimes

Praticamente chiuso il listone delle uscite, la Foppapedretti sta lavorando sulle operazioni in entrata. Certo, non c'è paragone fra la risonanza dei nomi che se ne vanno (Piccinini, Arrighetti, Signorile, Nucu, Vasileva e via discorrendo) rispetto a quelli dati in arrivo.

Ma un apprezzabile movimento c'è, a testimonianza della ferma volontà del team di lavorare sia per il presente, sia soprattutto in prospettiva. Naturalmente tutto viene fatto in rapporto alle possibilità e alle disponibilità economiche, notoriamente limitate, per cui non c'è da aspettarsi i botti cui la Foppapedretti ci aveva abituati negli ultimi quindici anni. Tuttavia, come s'è detto, in ciò che si sta facendo è leggibile un fortissimo, convinto spirito di sopravvivenza.

Come i lettori de L'Eco ben sanno, sono già state chiuse le trattative che hanno consentito di portare a Bergamo la palleggiatrice tedesca Kathleen Weiss (l'anno scorso metà stagione a Conegliano e metà a Chieri), il martello serbo Jelena Blagojevic (ultima stagione a Urbino), la giovanissima centrale Cristina Chirichella (dal Club Italia). Inoltre, è stata fatta rientrare l'altra centrale Marina Zambelli dal prestito a Santa Croce sull'Arno in A2, ed è stato promosso head coach Stefano Lavarini, che l'anno scorso ha guidato le foppine della B1.

In queste ore si stanno perfezionando quattro trattative, che si possono ormai considerare in dirittura d'arrivo. Partiamo dall'acquisto della giovane promessa serba Sara Klisura (accento tonico sulla i), schiacciatrice-ricevitrice che compirà vent'anni fra pochi giorni, plurifequentatrice delle rappresentative giovanili del suo Paese e già convocata anche negli stage della nazionale maggiore. Sara è nata a Subotica 15 luglio del 1992 ed è considerata una promessa. Alta 1 metro e 86,ha vinto il premio individuale come miglior servizio ai Mondiali cadette disputati in Brasile nel 2009. Cresciuta nelle formazioni della sua città natale (Ok Subotica e Nis) ha militato nel 2010-2011 nel Vizura Belgrado.

Nel mirino del digì Panzetti, che sta lavorando con la consueta perizia, ci son anche due americane: l'opposta Jennifer Blair Brown e la centrale Alexis Crimes. La Brown, nata il 5 marzo 1988 a Pourcellville, in Virginia, ha conquistato per quattro anni di fila (2007-2010) il titolo americano universitario con la Penn State University ed ha già vissuto una breve esperienza in Italia: da gennaio 2011 fino a fine stagione ha giocato nella Riso Scotti Pavia. Poi, l'anno scorso, si è divisa fra Indias de Mayaguez e Valenciana de Juncos, a Portorico. È già nel giro della Nazionale americana. I suoi biografi dicono che è laureata in scienze politiche e appassionata di cinema: i suoi attori preferiti sono Harrison Ford e Kate Hudson: gusti raffinati. Non dovrebbe porre questioni insormontabili al cuoco della Marienplatz, visto che il suo piatto preferito sembra essere il puré di patate.

La seconda americana che vestirà nella prossima stagione la maglia della Fopapedreti è una ragazza di colore, si chiama Alexis Crimes, è nata nel 1986 e nelle ultime due stagioni ha giocato in Europa, nel Post Schwechat in Austria e nel Bielsko Biala in Polonia: con quest'ultima formazione ha disputato l'ultima Champions League. Infine, è stata presa come seconda palleggiatrice la giovane Martina Balboni, modenese, classe 1991, l'anno scorso regista della Riso Scotti Pavia retrocessa in serie A2. La strategia della Foppa è dunque chiara e si muove su un doppio binario: forzato ringiovanimento dell'organico in chiave prospettica, e abbandono - anch'esso forzato - della linea «italiana» sposata negli ultimi cinque anni. La Foppa 2012-13 si sta delineando come una vera e propria multinazionale.

Ildo Serantoni

a.ceresoli

© riproduzione riservata