Mercoledì 19 Settembre 2012

S'infrange il sogno di Pinotti
Cade, frattura a una clavicola

Finisce male la trasferta olandese di Marco Pinotti, il ciclista bergamasco impegnato nei Mondiali di ciclismo in Olanda. Nella prova a cronometro di mercoledì, il ciclista professionista, nell'affrontare una curva a sinistra, ha perso improvvisamente il controllo della bicicletta, cadendo rovinosamente a terra.

Nella caduta Pinotti ha picchiato con violenza la spalla sinistra e la clavicola. Risalito in sella, con la maglia vistosamente rovinata dalla caduta, il ciclista bergamasco si è rimesso a pedalare ancora per qualche decina di metri, ma poi è stato costretto alla resa per il dolore alla spalla.

Sembra che la caduta sia da attriburisi al fatto che, nel prendere la curva un po' troppo «larga», Pinotti abbia bagnato le gomme in una piccola pozzanghera (aveva smesso di piovere da poco) facendo perdere aderenza alla bicicletta.

Pinotti si è fratturato la clavicola sinistra e sarà operato. «La curva era a 100 gradi - racconta l'azzurro - quando sono entrato mi sono accorto che chiudeva un po' di più. In quel tratto cambiava l'asfalto e il fondo era sporco. Ero in linea con ciò che mi ero prefissato. Mi stavo divertendo, ero in assoluto controllo. Stavo aumentando il ritmo la parte durata era finita e volevo spingere per il finale».

«Dopo la caduta - continua - mi sono subito rialzato ho provato a ripartire ma subito ho sentito dolore alla spalla, ho alzato la mano per chiamare la macchina. In quel momento la mia crono era finita. Fino alla caduta erano stati 40 splendidi minuti di corsa. Bettini è stato bravo, mi ha detto di stare tranquillo e pensare a me stesso. Mi dispiace, ora non voglio pensare all'occasione perduta. Lo sport è crudele a volte. Un pensiero va anche a chi è scomparso oggi in un incidente stradale, lo spagnolo Victor Cabedo. È un momento triste per tutto il ciclismo».

Il tedesco Tony Martin ha vinto la gara a cronometro individuale (45.7 km.), specialità di cui era campione uscente, dei Mondiali di ciclismo a Valkenburg. Medaglia d'argento all'americano Taylor Phinney, staccato di 5" dal vincitore, mentre la medaglia di bronzo è andata al bielorusso Vasil Kiryienka, che ha accusato un ritardo di 1'44".

Martin, 27 anni, al 30/mo chilometro ha raggiunto e superato lo spagnolo Alberto Contador, che era partito due minuti prima di lui. Alla fine Contador si è piazzato al 9/o posto.

a.ceresoli

© riproduzione riservata