Agostini fa le carte alla MotoGp «Lotta a tre, ma ci sia rispetto»
Lorenzo (a sinistra) e Valentino Rossi alla presentazione della nuova stagione

Agostini fa le carte alla MotoGp
«Lotta a tre, ma ci sia rispetto»

Valentino Rossi, Jorge Lorenzo e Marc Marquez hanno vinto complessivamente 18 Mondiali. Giacomo Agostini, da solo, è arrivato a quota 15. Interrogarlo sulla stagione alle porte è doveroso.

Chi è il favorito? «L’uomo da battere è sempre il campione del mondo in carica, quindi Jorge Lorenzo. Però il campionato se lo giocano in tre: Lorenzo, Valentino e Marquez».

Nei test la Honda è sembrata indietro? «In questo momento la Yamaha si è dimostrata la più pronta, ma la Honda sta lavorando. Le prove vengono fatte per capire dove si può migliorare e quindi sono convinto che anche la Honda sarà molto vicina al via del campionato».

Un momento del discusso duello tra Valentino Rossi e Marc Marquez lo scorso anno in Malesia  finito con la caduta dello spagnolo della Honda e la penalizzazione per Valentino che è scattato dall’ultimo posto nell’ultimo Gp della stagione

Un momento del discusso duello tra Valentino Rossi e Marc Marquez lo scorso anno in Malesia finito con la caduta dello spagnolo della Honda e la penalizzazione per Valentino che è scattato dall’ultimo posto nell’ultimo Gp della stagione

Ci saranno strascichi per il finale della scorsa stagione? «Non c’è nulla da fare, è successo quel che è successo, inutile attribuire colpe. Adesso bisogna pensare al nuovo campionato. Direi che queste cose vanno messe da parte. È ufficiale che grande amicizia tra i piloti non ci sia ma questo lo sapevamo già anche prima. Ognuno cercherà di vincere, speriamo in una grande battaglia. Come ho sempre detto, in questo mestiere, come in altri, l’amicizia non c’è e non ci sarà mai. L’importante è che ci sia rispetto».

Il campionissimo Giacomo Agostini

Il campionissimo Giacomo Agostini

Che campionato ci aspetta?«Un campionato di sicuro bello, emozionante e divertente. Sono tutti vicini e anche la Suzuki è migliorata molto. È stata la sorpresa dei test, almeno sul giro singolo, poi bisognerà vederla in gara».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola sabato 12 marzo 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA