Atalanta, ora personalità e intensità E da rincorrere in tutta fretta

Atalanta, ora personalità e intensità
E da rincorrere in tutta fretta

Un’Atalanta priva di personalità e intensità non poteva rientrare da Parma con l’auspicabile e sotto parecchi versi annunciata intera posta in palio. Un binomio di qualità indispensabili specie per un’Atalanta che dall’inizio del campionato, spesso e volentieri, balbetta a destra e a manca.

La personalità coinvolge ad uno ad uno i giocatori nerazzurri. Si sostiene che la stessa ce l’hai o non ce l’hai. In questo ambito il riferimento ricade puntualmente sul leader. Leader che, nella sostanza, deve prendere per mano i compagni per rassicurarli e stimolarli a profondere il meglio. In altre parole colui che funge da allenatore sia pure con diverse funzioni. Di solito investita dell’importante ruolo è la pedina più carismatica del gruppo in grado più delle altre di coniugare autorevolezza nello spogliatoio e spiccate caratteristiche tecniche sul manto erboso durante gare e allenamenti. Due i nomi sui quali non abbiamo certo noi la presunzione di scoprire: Cigarini e Stendardo (in ordine alfabetico). A Parma, però, il primo si è pressochè nascosto; l’avvocato era a casa perché castigato dalla squalifica.

Reja espulso a Parma

Reja espulso a Parma
(Foto by Magni Paolo Foto)

Veniamo alla mancanza totale di intensità evidenziata dagli atalantini nel corso della partita. Da porre sul banco degli indiziati l’intero collettivo. Guai ripetere nel prossimo-futuro la prestazione del “Tardini”, tipica da squadra di ultima di campionato senza alcun assillo di classifica. Viceversa capitan Bellini e compagni, proprio adesso, stanno più che mai vivendo, cifre, ahinoi, certificate senza equivoci, sulle disgrazie altrui. Intensità, libro di sinonimi alla mano, è l’equivalente di mordente, energia, vivacità, vigoria e via dicendo. Una serie di termini assolutamente sconosciuti in Emilia. Al tirar delle somme in assenza delle menzionate personalità e intensità anche di fronte alla cenerentola e problematica Parma non c’era da aspettarsi, proprio, un risultato migliore. Occhio...


© RIPRODUZIONE RISERVATA