Bosatelli sempre in testa nella 330 km Per il gigante di Gandino la notte decisiva
Il passaggio al punto di controllo

Bosatelli sempre in testa nella 330 km
Per il gigante di Gandino la notte decisiva

È in corsa da oltre 55 ore ed alle 17,25 di martedì 13 settembre è arrivato al punto di controllo di Cuney. Oliviero Bosatelli, vigile del fuoco di 47 anni di Gandino, continua ad essere al comando in Valle d’Aosta del massacrante Tor des Geants.

L’endurance trail di 330 chilometri, con dislivello positivo di 24.000 metri disegnata in Valle d’Aosta ai piedi dei più importanti 4.000 delle Alpi ed attraverso il Parco Nazionale del Gran Paradiso e quello Regionale del Mont Avic. Il vantaggio sul secondo ultramaratoneta dei cieli, lo spagnolo Oscar Perez Lopez, si è stabilizzato attorno alle quattro ore. Bosatelli ha percorso circa 260 chilometri, con un dislivello di 24.400 metri ed una media di circa 4 km all’ora. Nella prima serata di martedì, verso le 20,30, Bosatelli è arrivato a Oyace, consolidando il vantaggio sullo spagnolo.

Bosatelli è atteso attorno alle 0,30 di mercoledì 14 settembre ad Ollomont. A quel punto mancheranno «solo» 50 chilometri fino a Courmayeur dove il vigile del fuoco della Val Seriana potrebbe arrivare addirittura entro la mattinata. Per lui si annuncia una notte impegnativa, quando la fatica. Sui social e attraverso la diretta internet (segui qui http://live.tordesgeants.it/) sono migliaia i Bergamaschi che seguono passo dopo passo l’impresa dell’atleta gandinese, vincitore a luglio dell’Orobie Ultra Trial di «soli» 140 chilometri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA