Venerdì 14 Febbraio 2014

Ecco il Parma e l’ex Donadoni

Atalanta, 2 dubbi sulla formazione

Serie A TIM 2013-14 giornata 22 Atalanta - Napoli: Del Grosso
(Foto by Magni Paolo Foto)

Due i dubbi sulla formazione dell’Atalanta per la sfida di domenica, a Bergamo, con il Parma dell’ex Roberto Donadoni. Il primo riguarda la difesa; l’altro il centrocampo. Quanto al reparto arretrato mister Stefano Colantuono non ha ancora deciso se affidare la maglia a Del Grosso oppure a Brivio.

In ballottaggio, invece, nella zona più avanzata, Raimondi e Estigarribia. L’allenatore nerazzurro potrebbe sciogliere entrambe le riserve nel corso della seduta di rifinitura, di sabato mattina al Centro sportivo Bortolotti, di Zingonia o addirittura a poche ore dal pronti via di domenica pomeriggio.

Di certo, invece, si sa che sarà il ventunenne Baselli (richiesto dai club che vanno per la maggiore) a sostituire lo squalificato Cigarini. A fianco di Baselli opererà Carmona.

Scontata, inoltre, la conferma del modulo tattico cioè il 4-4-1-1. In avanti la coppia argentina Moralez-Denis completerà l’organico. Metabolizzata sia pure a fatica, in settimana, la sconfitta di Firenze gli atalantini punteranno contro la squadra emiliana decisamente alla conquista dell’intera posta in palio.

Duplici le ragioni: l’alto rendimentio dell’intero collettivo tra le mura amiche e l’avversario di turno, meritevole di pieno rispetto, ma, al tempo stesso, non tra i più temibili del campionato. Ormai privi di assilli riguardo l’obiettivo salvezza, i nerazzurri avranno così l’opportunità di giostrare senza quelle pressioni psicologiche che non facilitano, il più delle volte, prestazioni al pari delle aspettative. E’ il caso di ricordare che tra le file atalantine giocherà l’ex Benaloune (ingaggiato all’inizio del mercato di gennaio) subito inserito tra i titolari con risultati sicuramente soddisfacenti.

Questo il probabile schieramento: Consigli; Benaloune, Stedandardo, Yepes, Del Grosso (Brivio); Raimondi (Estigarrbie) Baselli, Carmona, Bonaventura; Moralez; Denis.

Arturo Zambaldo

© riproduzione riservata