Foppa sempre ko contro le grandi Tabù da sfatare stasera con Modena

Foppa sempre ko contro le grandi
Tabù da sfatare stasera con Modena

Pur con tutte le cautele e le riserve del caso, alla vigilia del campionato nessuno avrebbe immaginato che, a due giornate dalla fine del girone di andata, la Foppapedretti avrebbe avuto come obiettivo massimo la difesa dell’ottavo posto, l’ultimo disponibile per accedere ai quarti di finale di Coppa Italia.

Nelle tre stagioni precedenti il tabellone era stato centrato alla grande: quinto posto nel 2014/15, terzo posto nel 2013/14, addirittura secondo posto nel 2012/13. E stiamo parlando degli anni della grande carestia, dell’economia fino all’osso, delle tante partenze e pochi arrivi, del ridimensionamento dei sogni.

Purtroppo, quella che era stata prospettata come la stagione dell’inversione di tendenza - e nei nostri sogni di inguaribili ottimisti tale continua ad essere - le cose finora non sono andate dritte come ci si augurava. I numeri parlano chiaro: stasera contro la Liu-Jo Modena e martedì a Bolzano, ultimi due appuntamenti del 2015, bisogna rastrellare i punti sufficienti per evitare una eliminazione che avrebbe del clamoroso. Si comincia questa sera al Palazzaccio contro la Liu-Jo Modena, quarta in classifica con 20 punti, quattro meno della capolista Conegliano e sei più delle nostre: la partita, con inizio alle 20,30, sarà arbitrata dal trevigiano Florian e dall’internazionale Boris di Vigevano.

Per la Foppapedretti, in aggiunta ai prevalenti interessi di classifica, c’è l’occasione di cercare di battere una delle cinque grandi favorite del campionato, dopo che contro le altre quattro - Conegliano, Casalmaggiore, Piacenza e Novara - s’è regolarmente perso, portando a baita un solo punto dei 12 a disposizione.

Il pronostico è arcigno, ma una Foppa concentrata e ispirata come quella che se l’è giocata quasi alla pari col Novara una settimana fa, cedendo solamente al tie-break, potrebbe anche farcela, pur riconoscendo la straordinaria caratura del team emiliano, forte di tre giocatrici che hanno vestito la maglia rossoblù lasciando un piacevolissimo ricordo: Vale Diouf, riconosciuto numero uno del volley italiano, recentemente insignita del premio Gazzetta Sports Awards, la centrale Raphaela Folie e l’ottima Chiara Di Iulio.Attorno a loro il giovane allenatore Alessandro Beltrami - omegnese come Lavarini, Lo Bianco, Cardullo - schiererà verosimilmente la palleggiatrice azzurra Francesca Ferretti, la schiacciatrice ungherese Dora Horvath, la centrale belga Laura Heyrman e la libera Chiara Arcangeli.

La Foppa, come abbiamo detto, è chiamata a replicare la bella prestazione di una settimana fa contro il Novara, costata la panchina all’allenatore piemontese Pedullà, esonerato a sorpresa e sostituito con Marco Fenoglio, tecnico che ha legato il proprio nome a due meravigliose avventure della Foppapedretti: scudetto e Coppa Italia nel 2005/06, Champions League nel 2007.Il Modena è squadra che batte bene, specialmente con Diouf, Di Iulio e Horvath, e contro di essa Lavarini dovrebbe opporre la ricezione a due (Cardullo più Gennari) che ha dato buoni risultati sia a Montichiari sia domenica scorsa. Per il resto non dovrebbero esserci novità nello starting-seven, con l’Architetto Lo Bianco in regia, Barun opposta, Spataplak in posto quattro, Aelbrecht e Paggi centrali. Unica alternativa possibile, in partenza, Frigo al posto di Paggi.

Ildo Serantoni


© RIPRODUZIONE RISERVATA