Giovedì 10 Maggio 2012

Juventus, curva ospiti esaurita
Ma chi ha comprato i biglietti?

Mistero neanche troppo buffo a Torino: è scomparso il biglietto del settore ospite. Quello dello Juventus Stadium, che non è caso si chiama Juventus Stadium, per la domenica della festa scudetto bianconera con l'Atalanta è “sold out”. Finito, esaurito, volatilizzato, evaporato, da giovedì mattina.

Che succede? I tifosi dell'Atalanta stanno preparando un'invasione oceanica a Torino per accompagnare i nostri al gran ballo dello scudetto juventino nell'ultima domenica di campionato? Pare di no, e non per scelta. Il fatto è che il biglietto del settore ospiti non si trova e i tifosi dell'Atalanta lo stanno cercando invano manco giocassero a moscacieca.

Ma dove è finito, chi l'ha fatto sparire? Da parte sua, l'ufficio stampa della societa bianconera ha fatto sapere che la vendita dei biglietti non dipende dalla Juventus, ma da una società esterna, ipotizzando persino che la cosa non sia possibile. Ma nella realtà le cose stanno proprio così: dei biglietti nessuna traccia!

«Salve - ci scrive in redazione un lettore -, sono un tifoso atalantino che domenica voleva andare a Torino per seguire la partita Juventus-Atalanta, questo prima di scoprire che i biglietti per il settore ospite (riservato ai tifosi Atalantini) è tutto esaurito e che ad acquistare i biglietti sono stati tifosi juventini. Posso capire che ogni juventino voglia festeggiate lo scudetto, ma ritengo tutto ciò inaccettabile e scorretto nei confronti della tifoseria atalantina che vuole seguire la propria squadra in trasferta. Ma a mio parere la cosa più grave è il fatto di mettere in un settore dello stadio tifosi di squadre diverse visto che alcuni tifosi atalantini hanno trovato i biglietti. A cosa serve la tessera del tifoso se poi succedono simili cose. Sono consapevole del fatto che questa possa essere una notizia di scarsa rilevanza, ma sentivo il bisogno di portarla alla vostra attenzione e spero vogliate approfondirla. Cordiali saluti»
Simone

a.ceresoli

© riproduzione riservata