Monsieur Mounier, il vice Papu «Ma possiamo giocare insieme»

Monsieur Mounier, il vice Papu
«Ma possiamo giocare insieme»

Tanti tifosi per il francese, ex Bologna, alternativa a Gomez: «Lavoro per la crescita della squadra».

Dopo Cristante, un altro nuovo arrivo in casa Atalanta si presenta allo store cittadino. Anthony Mounier è l’ospite di giornata nel negozio della società bergamasca e spera di ripetere le gesta dell’altro nuovo centrocampista. «Cristante ha segnato dopo essere venuto allo store settimana scorsa- ha affermato il giocatore francese-: speriamo porti fortuna anche a me, dovrò saper sfruttare la mia chance. Sono arrivato 15 giorni fa, ho trovato una squadra che mi ha accolto bene, sono contento di essere a “Bergamò”, ci aspetta un finale interessante. Mi piace puntare l’uomo e dribblare, sono mancino, lavoro per contribuire alla crescita della squadra e alla mia con gol e assist, qua c’è grande qualità e anche io posso crescere molto».

Arrivato alla corte nerazzurra dal Bologna, è passato anche per pochi giorni dalla natia Francia, facendo parlare di sé per il rifiuto dei tifosi del Saint Etienne ad averlo nella«oro» squadra, in quanto ex Lione. «A Bologna ho giocato poco, qua spero di trovare più spazio, anche se so che la squadra va bene e e sarà dura. In Francia sono stato 3 giorni: è nato tutto perchè ho giocato a Lione e con il Saint Etienne sono rivali. I tifosi non mi hanno voluto, ma sono contento di essere rimasto in Italia e a Bergamo, dove c’è una squadra con una classifica interessante e ci sono ottime prospettive per questo ritorno. Il destino ha voluto così, a me interessa essere qua, perché prima di tornare in Francia volevo rimanere in Italia. Quando ero un giocatore del Nizza avevo detto qualcosa sul Saint Etienne, è rimasto online, non me lo ricordavo nemmeno, adesso resta tutto sui social e su web, i più giovani in particolare devono fare attenzione».

Quanto riuscirà a trovare spazio lo dirà il campo e mister Gasperini, ma il francesino è stato preso proprio per dare fiato a Papu Gomez, anche se considera fattibile poter giocare insieme al capitano nerazzurro. «Papu l’ho conosciuto in vacanza, vedo che è fortissimo, è bello essere suo compagno. Possiamo giocare anche insieme, in Francia ho sempre giocato a sinistra, in Italia ho giocato a destra, quindi si può fare. Sto vivendo bene il fatto di fare il suo ruolo, è un’ottima cosa avere giocatori forti nello stesso ruolo, perchè si può continuare a crescere».


(Foto by Paolo Magni)

Sabato 18 alle 18 con il Crotone è tempo di anticipo in un Comunale che si vestirà a festa per spingere ancora una volta i suoi ragazzi: Mounier si è detto sorpreso dall’entusiasmo del pubblico nerazzurro, sia quando era a Bologna che nell’esordio con il Cagliari. «Pensiamo partita dopo partita per avere una bella sorpresa alla fine dell’anno. Siamo organizzati, con un mister che sa come deve giocare la squadra e tutti sanno cosa devono fare con la palla o senza. In Italia non ci sono partite facili: prepariamola bene e non pensiamo di avere già vinto, ci serve un grande risultato sabato sera. Conta prendere i punti quando dobbiamo farli per avere un buon vantaggio quando avremo gli scontri diretti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA