Reja: «Stiamo tranquilli e lavoriamo bene L’alta classifica non ci farà girare la testa»
Edy Reja durante la partita Atalanta-Palermo (Foto by Ansa/Paolo Magni)

Reja: «Stiamo tranquilli e lavoriamo bene
L’alta classifica non ci farà girare la testa»

L’allenatore atalantino: «L’alta classifica non ci farà girare la testa, stiamo tranquilli, lavoriamo bene. Oggi non siamo stati abbastanza concreti». Palermo in crisi, Gerolin: «Manteniamo la calma».

Edy Reja plaude i suoi per un altro risultato positivo in una stagione fin qui più che positiva. «Aspettiamo per fare valutazioni - afferma a Sky - godiamoci il momento, terminiamo il girone d’andata, ancora abbiamo partite importanti, l’alta classifica non ci farà girare la testa, stiamo tranquilli, lavoriamo bene. Oggi non abbiamo giocato una grandissima partita, non siamo stati concreti, il Palermo chiudeva e cercava di pressare».

Anche in questo momento in cui tutto va bene, aggiunge Reja, «non si molla di un centimetro perché l’intensità del lavoro durante la settimana è sempre stato determinante. Il tecnico deve trasmettere sicurezza, conoscere molto bene tutti i giocatori dal punto di vista psicologico. Il mio dialogo è costante dal punto di vista individuale, poi bisogna che sul campo lavorino con grande intensità perché i ritmi devono essere sempre alti».

Reja commenta anche la situazione che sta vivendo il Palermo e il suo collega Ballardini: «Avrei un’idea ma non la esterno - mi dispiace per Iachini come mi dispiacerebbe per Ballardini. Bisogna stare sereni e tranquilli, per quanto ne so la squadra stava facendo bene anche prima e per quello che ho visto oggi ha qualità. Iachini giocava con il 3-5-2, Ballardini ha cambiato completamente, bisogna aspettare per ottenere risultati. Mi ha sorpreso certamemente l’esonero di Iachini mi pare che la squadra stava facendo bene e aveva un buon rapporto con lo spogliatoio».

Davide Ballardini

Davide Ballardini

Per il Palermo è il direttore sportivo del Palermo Manuel Gerolin a presentarsi in sala stampa al termine della partita per commentare la sconfitta subita a Bergamo con l’Atalanta. «Ballardini è chiuso in spogliatoio con i ragazzi e ha preferito mandare me - spiega a Sky - La posizione di Ballardini? Adesso vedremo, la linea che abbiamo preso dobbiamo portarla avanti, dobbiamo mantenere la calma, ci sono 5-6 squadre a tre-quattro punti solo con il lavoro possiamo raggiungere l’obiettivo. Tensione tra giocatori e i tifosi? Bisogna mantenere la calma, abbiamo bisogno del nostro pubblico. Zamparini sta valutando il ritorno di Iachini? Tra un’oretta tornerò a casa e ne parleremo, il presidente cerca sempre di fare il bene del Palermo sta pensando e vorrà venire fuori da questa situazione difficile». Nel prossimo turno l’importante sfida salvezza con il Frosinone: «E’ la partita che dirà quanto valiamo - aggiunge Gerolin a Raisport - certo siamo alla quindicesima e di partite importanti ce ne saranno, ma non possiamo perdere altro terreno».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 7 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA