Venerdì 18 Luglio 2014

Suagher, Molina, Zappacosta

L’Atalanta riparte dai giovani

Emanuele Suagher (2010-2011)

Riparte dai giovani l’Atalanta 2014/2015. Un segno chiaro quello della società bergamasca: ripartiamo dai nostri ragazzi, quelli cresciuti nel settore giovanile di Zingonia e mandati a giocare in prestito, prima del ritorno a casa madre. I giocatori dell’annata 1992 sono stati presentati nella sala conferenze del centro di Zingonia, alla presenza del direttore generale della società Pierpaolo Marino.

Diversi per ruolo e fisicità, partiamo dal bergamasco del gruppo, Emanuele Suagher, nato a Romano di Lombardia, reduce dall’esperienza positiva in B con il Crotone.

“Me la posso giocare, vengo da due campionati buoni, nonostante gli infortuni non siano mancati. Nella rosa ci sono giocatori esperti che potranno aiutarmi nella mia crescita. Come modello ho Materazzi, per caratteristiche gli assomiglio”.

Nato il 1 gennaio del 1992 a Garbagnate Milanese, Salvatore Molina, centrocampista esterno tuttofare, ha vestito le maglie di Foggia, Barletta e Modena prima di tornare a casa e tentare l’avventura in A con i bergamaschi.

“Sono pronto, anche se i ritmi di gioco sono diversi dalla B alla A. Dopo 10 anni di settore giovanile ho realizzato il mio sogno e spero di rimanerci il più a lungo possibile. Il mio modello è Zanetti”. Infine il più atteso, il giovane del quale si è parlato di più negli ultimi mesi: Davide Zappacosta, tre anni all’Avellino, terzino destro inventato proprio da Colantuono nel ritiro del 2011/2012. “Con il passare del tempo quella decisione è stata la mia fortuna e ad Avellino si è visto. Come modello ho sempre avuto Nedved, come professionista vero, per grinta e volontà. Nel mio ruolo mi piace Maicon. Devo migliorare molto sulla fase difensiva e il mister ha un occhio di riguardo su questo, visto che ha iniziato già a lavorarci: a livello personale ho tanta voglia di migliorare”.

Intano è già arrivato a Zingonia l’ultimo acquisto atalantino, il neo attaccante della formazione di Stefano Colantuono, Richmond Boakye, in comproprietà tra la stessa Atalanta, con la quale ha firmato un contratto di 4 anni e la Juventus.

Simone Masper

© riproduzione riservata