Altruista e impegnato nel volontariato Lenna piange Giovanni, papà di due figli
Il luogo dell’incidente mortale

Altruista e impegnato nel volontariato
Lenna piange Giovanni, papà di due figli

Alla guida del suo furgone Iveco è finito contro un camion che trasportava ghiaia e che lo precedeva. Uno schianto violentissimo, che non gli ha lasciato scampo.

Così, mentre viaggiava in direzione Milano sul tratto dell’autostrada Brebemi-A35 che attraversa Caravaggio, è morto Giovanni Cortinovis, 59 anni, di Lenna: il fratello Romeo morì a 35 anni nell’alluvione del 1987.

Lo scontro è avvenuto intorno alle 13,30 all’imbocco della galleria di cemento realizzata in previsione del futuro passaggio della linea ferroviaria sopra l’autostrada. Dei rilievi dell’incidente si sono occupati gli agenti del distaccamento di Chiari della Polizia stradale di Brescia. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, Cortinovis, probabilmente a causa della pioggia battente che stava cadendo in quel momento nella zona, non avrebbe ben calcolato la distanza che lo separava dal camion che viaggiava davanti a lui, finendoci così contro.

La notizia dello schianto in cui ha perso la vita Giovanni Cortinovis – per tutti in paese, Daniele – ha destato scalpore e commozione a Lenna, dove Daniele era molto conosciuto per il suo grande altruismo e l’impegno nel volontariato. Sposato con Paola, cghe lavora come bidella, lascia due figli – Manuel e Rudi – il primo anch’esso molto conosciuto in paese perché direttore della banda musicale «San Martino».


Leggi l’articolo di Patrik Pozzi e Silvia Salvi acquistando a 0,99 euro la copia digitale de «L’Eco di Bergamo» di martedì 28 maggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA