Aveva appena riportato i figli a casa Dolore a Treviglio per la morte di un papà
L’auto di Francesco Maccabelli (Foto by (Foto Cesni))

Aveva appena riportato i figli a casa
Dolore a Treviglio per la morte di un papà

Aveva appena accompagna due dei suoi tre figli a Romano, dopo una giornata trascorsa insieme.

È stato probabilmente un malore, o un colpo di sonno, a far perdere il controllo dell’auto a Francesco Maccabelli, 52 anni, di Treviglio, morto nella tarda serata di domenica dopo essere stato soccorso tra le lamiere della sua auto, finita contro un palo dell’elettricità a Morengo, lungo la sp 129.

Francesco Maccabelli

Francesco Maccabelli

L’uomo, padre di tre figli, era appena andato a riportare i suoi due bambini più piccoli all’ex moglie, che abita a Romano, dopo una giornata trascorsa insieme. Inutili i tentativi di rianimarlo, le ferite riportate nello schianto erano troppo gravi. Maccabelli da quattro anni lavorava come magazziniere al Caseificio Defendi di Vidalengo, frazione di Caravaggio. A Treviglio era conosciuto per avere gestito fino a una decina di anni fa una panetteria in via Verga, in pieno centro storico. Dopo la separazione aveva anche lavorato un paio d’anni nel magazzino dell’IperCoop del centro commerciale di Treviglio.

La dinamica dell’incidente, che non ha coinvolto altri veicoli, lascia spazio a pochi dubbi: il veicolo ha invaso la corsia opposta per poi andare a sbattere violentemente contro il palo fuori dalla carreggiata. I funerali saranno celebrati mercoledì alle 14.30 a Soncino.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 13 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA