Confermato il caso positivo a Romano É una ragazza. «Attivati i protocolli»

Confermato il caso positivo a Romano
É una ragazza. «Attivati i protocolli»

Confermato il caso positivo di Romano. Lo comunica il sindaco di Romano su Facebook con una comunicazione ai cittadini. Si tratta di una ragazza ricoverata al Papa Giovanni.

«Vi comunico che vi è stata l’individuazione di un caso all’interno della nostra città» ha detto il primo cittadino Sebastian Nicoli.

«L’Ats ha disposto che si avvisi il sindaco (in qualità di autorità sanitaria locale, punto di riferimento della collettività nella sua rilevante funzione sociale, nonché espressione di una partnership istituzionale tra Ats e Comuni nella gestione di questo rilevante fenomeno sanitario e sociale) in merito all’eventuale conferma di positività al coronavirus da parte di cittadini esclusivamente del suo territorio. L’informazione sarà naturalmente tenuta al rispetto della privacy e consisterà esclusivamente in informazioni di tipo numerico e fenomenologico (senza indicazione di nominativo)» scrive il sindaco, riportando le informazioni dell’autorità sanitarie.

«Un altro passaggio essenziale è il seguente: “Per i contatti individuati, ovvero le persone che hanno avuto contatti con il cittadino positivo al coronavirus, è previsto un isolamento domiciliare fiduciario e alla persona vengono fornite adeguate informazioni riguardo alla specifica condizione di rischio, ai sintomi di esordio della malattia e alle possibili modalità di trasmissione; se durante questo periodo di sorveglianza sanitaria il cittadino manifesta una sintomatologia sospetta, gli operatori sanitari provvederanno ad effettuare tutti gli approfondimenti e gli accertamenti necessari”».

«Inoltre si specifica che: “in questa procedura, il sindaco e il servizio sociale del comune vengono coinvolti esclusivamente nel caso in cui il cittadino in isolamento domiciliare non dovesse avere una rete familiare di supporto e si ravvisasse quindi la necessità di un intervento dei servizi sociali per la fornitura di materiali di prima necessità”».

«Mi sembrava importante riportare quanto è previsto in termini di protocollo e comunicazione nella relazione tra ATS e Comuni - ha detto il sindaco -. Informo che sono stati adottati tutti protocolli necessari così come specificato nella nota di Ats che ho pubblicato. Prego chiunque di non subissare me o miei collaboratori per avere conferme, per sapere nomi (che come vedete nemmeno io conosco), per avere conferme o meno di notizie, fake news o altro».

La ragazza è stata dimessa, non ha sintomatologie particolari e ora è in quarantena a casa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA