Il miglior aperitivo d’Italia? Non è a Milano Il Gambero Rosso premia bar a Treviglio

Il miglior aperitivo d’Italia? Non è a Milano
Il Gambero Rosso premia bar a Treviglio

Sono in tutto quattro i bar bergamaschi che si sono aggiudicati tre chicchi e tre tazzine sulla Guida Bar d’Italia 2020.

Il migliore aperitivo d’Italia? Non è Milano. Almeno secondo la Guida Bar d’Italia 2020 del Gambero Rosso, secondo cui il locale dove poter gustare l’aperitivo più buono della Penisola è il Marelet – Osteria contemporanea di Treviglio, in provincia di Bergamo: “Per noi non conta la quantità, ma la qualità”, ha spiegato il titolare Davide Colleoni. Un locale molto apprezzato dalla giuria che giovedì 19 settembre, all’Excelsior hotel Gallia di Milano, ha decretato i bar più rinomati d’Italia nel corso della presentazione della ventesima edizione della guida.

Sono in tutto nove i bar lombardi che figurano tra i migliori d’Italia. Uno solo tra i locali premiati si trovano a Milano: è Pavé, che ha ottenuto il massimo riconoscimento della guida. Gli altri bar premiati si trovano in provincia di Bergamo, nel Bresciano e in provincia di Lecco. Nella speciale classifica i bar lombardi che si sono guadagnati le tre tazzine e i tre chicchi, massimo riconoscimento assegnato da Gambero Rosso, sono nove. Ne troviamo quattro della provincia di Bergamo: La Pasqualina ad Almenno San Bartolomeo, In Croissanteria Lab a Carobbio degli Angeli (new entry), il Marelet a Treviglio e Morlacchi a Zanica. Tre sono di Brescia e dintorni: Bedussi, Pasticceria Roberto a Erbusco e Sirani a Bagnolo Mella. Troviamo poi Colzani a Cassago Brianza, in provincia di Lecco, e un solo locale di Milano: il Pavé di via Casati.

Menzione speciale va ex aequo a La Pasqualina (Almenno San Bartolomeo - Bergamo) e 300mila Lounge (Lecce), per l’impegno etico, in particolare per le iniziative attente all’ambiente attraverso il packaging sostenibile e per i programmi di utilità sociale dedicati al reinserimento attivo di persone detenute.


© RIPRODUZIONE RISERVATA