Lutto all’Ats di Bergamo È morta Vincenza Amato
Vincenza Amato

Lutto all’Ats di Bergamo
È morta Vincenza Amato

Martedì 24 marzo l’Agenzia di Tutela della salute di Bergamo ha perso la dottoressa Vincenza Amato, dirigente e medico responsabile dell’Unità di Igiene Sanità Pubblica del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria.

La dottoressa Amato è scomparsa all’Ospedale di Romano di Lombardia dopo una breve malattia collegata all’attuale epidemia di coronavirus.

Da moltissimi anni lavorava come Medico di Igiene e Prevenzione all’Ats (in precedenza all’Asl e nelle Ussl), ricoprendo via via ruoli di crescente responsabilità con grande professionalità. Tutti gli operatori sanitari che hanno lavorato con lei in questi anni nella sede di Bergamo/Borgo Palazzo e, prima ancora, molti anni fa al Settore Igiene e Prevenzione di Treviglio-Romano di Lombardia, la ricordano con grande affetto e tenerezza dal punto di vista umano, e con autentica stima per le capacità e competenze igienistiche e sanitarie che ha saputo spendere nel campo della prevenzione, dove i risultati spesso si vedono dopo anni o generazioni.

«La dottoressa Amato era al suo ultimo anno di lavoro, che affrontava con vigore ed impegno, quasi incurante di alcune sue personali fragilità degli ultimi tempi. Ha segnato con grande discrezione un pezzo di prevenzione del nostro territorio, ha dato esempio di disponibilità, di professionalità e di attaccamento al suo lavoro, è stata una persona con la quale camminare e confrontarsi quotidianamente, ha dato sapore alla nostra vita professionale di operatori della Sanità Pubblica. Nell’accompagnarla tra le braccia del Padre della vita la ringraziamo, la salutiamo e ci stringiamo alla famiglia»” così i colleghi.

Da parte sua «la Direzione strategica dell’Agenzia di Tutela della Salute è vicina alla famiglia e ai colleghi del Dipartimento per la prematura scomparsa della dottoressa Vincenza Amato. Vogliamo ricordarla per la sua grande professionalità, per le sue capacità e per le sue competenze, ma anche per la sua disponibilità e le sue doti umane che lasceranno in tutti noi un ricordo indelebile».


© RIPRODUZIONE RISERVATA