Reddito di cittadinanza, altre irregolarità Treviglio: tre morti e  due non residenti

Reddito di cittadinanza, altre irregolarità
Treviglio: tre morti e due non residenti

Cinque le persone, tutte italiane, tre delle quali decedute da qualche mese e due che mai avevano abitato in città. Scovate dagli uffici comunali, segnalazioni a Inps e Finanza.

Avevano chiesto e poi percepito il reddito di cittadinanza ma i controlli eseguiti dal Comune di Treviglio hanno consentito di individuare che non ne avevano diritto. Cinque le persone identificate, tutte italiane, tre delle quali morte da qualche mese e due che mai avevano abitato in città. A scovarli sono stati gli addetti degli uffici comunali, non appena in possesso degli strumenti per accedere ai dati relativi al reddito in questione: dai primi controlli anagrafici sono emerse incongruenze poi segnalate all’Inps.

Sono tre le persone che risultano decedute negli ultimi quattro mesi e due mai transitate a Treviglio, ma residenti in altri Comuni. Il vice sindaco e assessore a Servizi alla persona, Pinuccia Zoccoli Prandina, ha commentato: «Appena abbiamo avuto le credenziali, pochi giorni fa, per l’accesso, abbiamo iniziato i controlli rilevando le prime discrepanze, segnalate all’Inps e alla Guardia di Finanza».


Leggi l’articolo di Fabrizio Boschi acquistando a 0,99 euro la copia digitale de «L’Eco di Bergamo» di venerdì 8 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA