Quattro colpi di pistola, uccisa coppia Omicidio di Caravaggio, 3 pagine su L’Eco
Fuori dalla sala slot di Caravaggio (Foto by Foto Cesni)

Quattro colpi di pistola, uccisa coppia
Omicidio di Caravaggio, 3 pagine su L’Eco

Alle 18.15 in via Treviglio, lungo l’ex statale Padana Superiore. È successo in una sala slot: due i morti, un uomo e una donna, coppia da circa 4 anni.

Una sparatoria si è verificata a Caravaggio intorno alle 18.15 di mercoledì 4 aprile, con due morti. Il duplice omicidio è avvenuto in via Treviglio, lungo l’ex statale Padana Superiore, all’interno della sala slot Gold Cherry.

Due persone sono decedute all’interno della slot: sono un uomo e una donna, una coppia italiana di 51 e 40 anni che si trovava nel locale. I loro nomi: Carlo Novembrini, originario di Gela, e Maria Rosa Fortini, nata a Crema, sua compagna da circa quattro anni. Entrambi erano residenti a Sergnano, in provincia di Cremona.

I due sarebbe stati freddati con quattro colpi di pistola. Carlo Novembrini sarebbe un ex sorvegliato speciale, che ha scontato anni al 41 bis e sarebbe legato al clan Madonia. È stato precisato da ambienti giudiziari rispetto a notizie circolate in precedenza. Novembrini era legato alla donna uccisa da circa quattro anni.

A quanto si è appreso sull’assassino parlava con accento meridionale. Si tratterebbe di un italiano, che con il suo gesto ha seminato il panico nel locale e in tutta la zona circostante. Con lui in fuga anche una donna e un altro uomo, tutti su una Panda. A mezzanotte la notizia di due persone sottoposte a fermo, portate in caserma a Treviglio.

Sul posto, oltre alla polizia locale e i carabinieri, anche due ambulanze e un’automedica. Il sostituto procuratore Gianluigi Dettori è giunto sul posto poco dopo la sparatoria. Presente anche il sindaco Claudio Bolandrini. Le forze dell’ordine hanno immediatamente recuperato i filmati nel locale per rintracciare l’omicida. La sala slot si trova in un complesso commerciale, ma ha l’ingresso sull’esterno: dopo il duplice omicidio è stata posta sotto sequestro.

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 5 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA