Treviglio dà l’addio a Gianni Una vita dietro il bancone del bar
Giovanni Cornelli

Treviglio dà l’addio a Gianni
Una vita dietro il bancone del bar

Si è spento domenica, a 71 anni Giovanni Cornelli, storico gestore, con la moglie Maria, del bar «Gianni e Mery» di via Beltrame Buttinoni, nel centro di Treviglio.

Dal mattino fino a notte fonda, dal lunedì al sabato, per quasi quarant’anni Gianni è stato lì, dietro quel bancone, con Maria, sua compagna di vita e di lavoro.

Giovanni Cornelli

Giovanni Cornelli

Un amore, quello per il suo locale, che nemmeno la malattia contro la quale ha combattuto fino all’ultimo è stata in grado di scalfire. Gianni, infatti, era presente, anche nei suoi ultimi giorni di vita, con la moglie e al figlio Graziano. Quel bar, aperto nel lontano 1981, è stato uno dei punti di ritrovo di intere generazioni di trevigliesi. «Mio padre - ha ricordato il figlio Graziano - era una persona di grandissimo cuore, che teneva molto alla sua famiglia e che voleva bene a tutti i suoi clienti. Nonostante il suo modo di fare burbero, era difficile non volergli bene. Il bar - conclude - era il suo terreno, la sua vita: a lui bastava essere lì, con la sua Mery».


© RIPRODUZIONE RISERVATA