Sorte: «Più guardie giurate sui treni» I grillini: solo propaganda  e mezze verità

Sorte: «Più guardie giurate sui treni»
I grillini: solo propaganda e mezze verità

Dopo l’ennesima aggressione in stazione scatta la polemica della poca sicurezza, con l’assessore Sorte che punta il dito sul gruppo politico dei grillini e promette un rafforzamento dei controlli.

«L’esecrabile aggressione a due guardie giurate di Trenord avvenuta mercoledì sera alla stazione ferroviaria di Bergamo da parte di un gruppo di cittadini extracomunitari in preda ai fumi dell’alcool ha messo a nudo, da un lato, il bisogno di sicurezza della città e dall’altro, la totale irresponsabilità di un gruppo consigliare di opposizione che ha fatto di tutto per impedire alla Regione di reagire contro il rischio che i cittadini corrono anche sul trasporto pubblico locale». Arriva tramite Fb la dichiarazione dell’assessore regionale ai Trasporti Alessandro Sorte, commentando la violenta aggressione subita da due guardie giurate di Trenord, in servizio alla stazione ferroviaria di Bergamo.

«È come se questo gruppo fosse colpito dall’ansia di prestazione: critiche gratuite alla Regione e totale disprezzo della sicurezza dei cittadini» critica pesantemente il politico bergamasco. «L’episodio di mercoledì sera - ha continuato Sorte - porta allo scoperto anche la totale inerzia del Governo che, benchè la Lombardia avesse chiesto a più riprese di rafforzare il contingente Polfer nelle stazioni ferroviarie, non ha voluto dare risposte concrete. È anche per questo che la Lombardia si è vista costretta a provvedere direttamente - anche se la sicurezza non è tra le competenze regionali - istituendo con Trenord un servizio di vigilanza destinato a garantire agibilità e sicurezza nelle stazioni e sui treni».

«Siamo stati obbligati, dal nostro senso di responsabilità - ha concluso Sorte - ad agire e certo non ce pentiamo, anzi, lavoreremo per rafforzare il contingente di guardie giurate destinate alla sicurezza dei passeggeri. Un doveroso ringraziamento e un gesto solidale alle due guardie giurate aggredite mentre svolgevano il loro lavoro alla stazione di Bergamo».

L’esecrabile aggressione, alla stazione ferroviaria di #Bergamo, delle due guardie giurate di Trenord, da parte di un...

Pubblicato da Alessandro Sorte su Giovedì 31 marzo 2016

La replica dei grillini non si fa attendere, per mano di Dario Violi, consigliere regionale bergamasco: «Quello che impedisce la garanzia di sicurezza ai cittadini sono le vostre trovate propagandistiche che, come da noi ampiamente denunciato, si dimostrano totalmente inutili ad ogni occasione. Settimana scorsa una ragazza aggredita sul treno, ieri sera due guardie giurate picchiate in stazione: è la dimostrazione che il Security Team della Lega è mera propaganda e quando dovrebbe servire non c’è mai. Anzi, la cronaca ci dice che gli episodi di violenza sui nostri treni sono in costante aumento. Non fare il furbo dicendo mezze verità. La verità è una sola, Regione Lombardia ha speso 7 milioni per un’operazione di facciata chiamando Security Team un gruppo di persone che non possono svolgere mansioni legate alla sicurezza. Se vuoi possiamo discutere anche sull’inadempienza del governo e della mancanza di personale di Polfer, ma tu inizia a prenderti le tue responsabilità, dato che sei l’assessore ai trasporti di Regione Lombardia e la tua politica sulla sicurezza si è dimostrata totalmente fallimentare»


© RIPRODUZIONE RISERVATA