Analizzare il rapporto mamma-figlio A Bergamo lo psichiatra Brockington

Analizzare il rapporto mamma-figlio
A Bergamo lo psichiatra Brockington

Ats Bergamo affronta il tema della sofferenza psichica e la maternità e fa il bilancio di SalvagenteMamma: 3 anni di prevenzione e cura per future mamme e neomamme. Da agosto 2015 a giugno 2018, presso i centri vaccinali delle Asst Bergamo Est e Papa Giovanni XXIII, sono state raggiunte 5951 donne di cui 593 a rischio di psicopatologia.

La sofferenza psichica durante la gravidanza ed il postpartum è un evento frequente che porta le mamme a chiudersi in sé stesse. Nel 2018 è ancora difficile per alcune neomamme ammettere di non riuscire a vivere la maternità come un evento solo positivo e fonte di gioia. Sono questi i temi che saranno affrontati lunedì 12 novembre, dalle 8.30 alle 13.30, in Sala Lombardia nella sede di via Gallicciolli 4 dell’Ats di Bergamo nel coro dell’incontro a partecipazione libera e gratuita dal titolo: «SalvagenteMamma: screening psicologico a protezione e sostegno delle neomamme», aperto dall’intervento «Pionieri dei servizi per la salute mentale perinatale» dello psichiatra massimo esperto mondiale di psicopatologia perinatale Ian Brockington.

SalvagenteMamma, è il progetto attivo da tre anni a Bergamo e provincia, finalizzato alla protezione e al sostegno delle neomamme, che, attraverso il servizio, possono esplicitare pensieri e paure senza vergogna e sensi di colpa.

Il progetto, fortemente voluto da Ats Bergamo, riconosciuta da Unicef come comunità amica dei bambini, vede il coinvolgimento attivo dei centri vaccinali e dei consultori famigliari dell’Asst Bergamo Est e dell’Asst Papa Giovanni XXIII.

Il servizio è attivo presso i centri vaccinali dell’Asst Bergamo est (Seriate, Alzano lombardo, Gazzaniga e Clusone) e i centri vaccinali dell’Asst Papa Giovanni XXIII (Bergamo, Villa d’Almè, Zogno, Sant’Omobono e San Giovanni Bianco)

Da agosto 2015 a giugno 2018, presso i centri vaccinali delle Asst Bergamo Est e Asst Papa Giovanni XXIII, sono state raggiunte 5951 donne di cui 593 a rischio di psicopatologia. Di queste 322 sono state valutate dagli psicologi e 206 sono poi state prese in carico. Per informazioni www.ats-bg.it.


© RIPRODUZIONE RISERVATA