Ecco il nuovo decreto che contiene il «Super Green pass»: dal 6 dicembre al 15 gennaio

Ecco il nuovo decreto che contiene il «Super Green pass»: dal 6 dicembre al 15 gennaio

Le misure potranno essere eventualmente prorogate oltre quella data. Ecco che cosa prevede. In allegato il documento licenziato da Governo.

Viene introdotto dal 6 dicembre il Green Pass «rafforzato»: si ottiene solo con la vaccinazione o la guarigione e la sua validità scende da 12 a 9 mesi.

Così fonti di Governo a proposito del provvedimento appena approvato dal Consiglio dei ministri. Dal 6/12/2021 al 15/1/2022 valgono le nuove regole transitorie per le zone colorate.

Il green pass «base» sarà obbligatorio dal 6/12 anche per: alberghi, spogliatoi per l’attività sportiva, trasporto ferroviario regionale e trasporto pubblico locale; l’accesso a spettacoli, eventi sportivi, bar e ristoranti al chiuso, feste e discoteche, cerimonie pubbliche sarà consentito in zona bianca e gialla solo ai possessori di «green pass rafforzato»; ulteriori limitazioni della zona arancione valide solo per chi non possiede il «green pass rafforzato».

Clicca qui il testo integrale del decreto licenziato dal governo.

Vaccinazione obbligatoria estesa a personale amministrativo sanità, docenti e personale amministrativo scuola, militari, forze di polizia, soccorso pubblico dal 15/12; richiamo obbligatorio per professioni sanitarie dal 15/12.

Entro 3 giorni dall’entrata in vigore del dl, i Prefetti sentono il Comitato provinciale ordine e sicurezza, entro 5 giorni adottano il nuovo piano di controlli coinvolgendo tutte le forze di polizia, relazionando periodicamente.

Norme che non sono cambiate: la mascherina resta non obbligatoria all’aperto in zona bianca e obbligatoria all’aperto e al chiuso in zona gialla, arancione e rossa. Sempre obbligatorio in tutte le zone portarla con sé e indossarla in caso di potenziali assembramenti o affollamenti; restano invariate le tipologie e la durata dei tamponi.

Guarda la conferenza stampa di Draghi e del ministro della Salute Roberto Speranza.

a


© RIPRODUZIONE RISERVATA