Auguri alpini, sono 100 candeline Su «L’Eco» di lunedì sei pagine di storia

Auguri alpini, sono 100 candeline
Su «L’Eco» di lunedì sei pagine di storia

Sei pagine per festeggiare l’Associazione Nazionale Alpini che lunedì 8 luglio festeggia un secolo di storia: foto, interviste e curiosità su L’Eco di Bergamo in edicola il giorno del compleanno dell’associazione nata l’8 luglio 1919.

Al termine della Prima guerra mondiale un gruppo di reduci costituì a Milano l’Associazione Nazionale Alpini. Era l’8 luglio 1919 e presidente fu eletto Daniele Crespi. Nel settembre del 1920 venne organizzata la prima Adunata nazionale sull’Ortigara e l’anno dopo a Cortina, poi Trento, Ivrea-Aosta e molte altre città. Quest’anno sarà la 92ª e si terrà a Milano dall’10 al 12 maggio.

L’Associazione Nazionale Alpini a oggi conta un organico di 347.132 soci (263.642 soci e i rimanenti sono aggregati) con 80 Sezioni in Italia che si articolano in circa 4.300 Gruppi. All’estero l’Ana è presente con 30 Sezioni, 7 Gruppi autonomi e 99 Gruppi nelle varie nazioni del mondo, dal Canada all’Australia. Il Presidente dell’Ana è Sebastiano Favero.

In occasione del terremoto del Friuli, nel 1976, quando ancora non esisteva alcuna forma organizzata di Protezione Civile nazionale, migliaia di alpini accorsero da ogni parte d’Italia per aiutare la popolazione colpita dal terribile sisma. Installarono dieci cantieri, coordinati da una direzione tecnica, mentre la direzione logistica sovrintendeva ai materiali, ai viveri e alle squadre dei tecnici nei vari cantieri di lavoro. L’intervento in Friuli gettò le basi per la Protezione Civile Ana, che, suddivisa in quattro raggruppamenti, conta oggi 13 mila volontari.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo dell’8 luglio: sei pagine di approfondimento

© RIPRODUZIONE RISERVATA