B&b, maxiponte con giro di vite Abusivi: multe per ventimila euro

B&b, maxiponte con giro di vite
Abusivi: multe per ventimila euro

La polizia locale scova i furbetti incrociando le banche dati. La comandante: «L’attività continuerà anche nelle prossime settimane».

Incrociano i dati, suonano ai campanelli, chiedono informazioni ai vicini di casa e agli amministratori di condominio, certificano le irregolarità e infine staccano maximulte da quattromila euro: non è una task force dei Marine, ma poco ci manca. È il nucleo degli agenti della polizia locale di Bergamo che dà la caccia ai furbetti degli affitti brevi.

Il giro di vite è iniziato in maniera sistematica poche settimane fa e non si fermerà più perché Palafrizzoni è deciso ad andare fino in fondo per contrastare la bolla Airbnb (e simili) che negli ultimi anni ha rivoluzionato il mercato turistico in città: 787 case solo nel 2018 con oltre duemila posti letto, in crescita del 50% in soli due anni. Moltissime sono regolari, tante altre no. E per questo motivo anche nel periodo delle vacanze pasquali, che hanno portato migliaia di turisti tra le Mura, i controlli sono continuati con l’obiettivo di stanare gli abusivi e limitare così la concorrenza sleale denunciata a più riprese dalle associazioni degli albergatori.

Il bilancio è solo provvisorio, perché grazie ai risultati incoraggianti l’attività è destinata a proseguire, se non ad aumentare: sette strutture con varie irregolarità scoperte nel giro di pochi giorni, di cui cinque certificate abusive per un totale di più di 20 mila euro di sanzioni.


Leggi di più su «L’Eco» in edicola martedì 23 aprile oppure acquistando a 0,99 euro la copia digitale del quotidiano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA