Bergamo, tragedia di via Carnovali «Un dramma che non doveva accadere»

Bergamo, tragedia di via Carnovali
«Un dramma che non doveva accadere»

Sabato 25 marzo lo scontro costato la vita a una trentottenne. Parla l’automobilista coinvolto nello schianto.

«Sono molto scosso e dispiaciuto per quello che è successo. È un dramma che non doveva accadere»: così si esprime, con la voce spezzata, il conducente della Fiat Bravo che si è scontrata frontalmente con una Honda Africa Twin nella serata di sabato 25 marzo all’incrocio tra via Autostrada e via Carnovali a bergamo. Nell’impatto è morta Monica Nicosia, 38 anni, passeggera della moto.

Portato all’Humanitas Gavazzeni, l’autista è stato dimesso domenica con una prognosi di tre mesi per fratture. Trentacinquenne, sta vivendo un incubo e non si capacita ancora di quello che è successo: «Non sono riuscito neanche a frenare, mi sono accorto all’ultimo secondo. Sono subito sceso dall’auto per soccorrere i due passeggeri della moto e ho chiamato immediatamente il 118». Vorrebbe poter incontrare i parenti della vittima e se riuscirà pensa di andare ai funerali. Monica Nicosia aveva 38 anni, faceva l’impiegata, era di origini catanesi e viveva in via Monte Cornagera in città. Il suo fidanzato, che conduceva la moto, è ricoverato in Terapia intensiva all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e non sarebbe in pericolo di vita. Continuano intanto gli accertamenti della polizia locale per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente, basandosi anche su alcune testimonianze raccolte sabato sera.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 27 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA