Caldo anomalo: germogli e frutti La falsa primavera inganna le piante

Caldo anomalo: germogli e frutti
La falsa primavera inganna le piante

Pomodori a dicembre, alberi da frutto pieni di gemme, persino i bachi da seta che si svegliano con sei mesi di anticipo. Sono alcuni degli effetti, quelli più visibili, delle temperature decisamente miti di questi ultimi giorni.

Una massa d’aria calda insiste sulla Lombardia e nella Bergamasca si raggiungono tranquillamente temperature tra i 12 e i 13 gradi. Da Coldiretti fanno sapere che il caldo di questi mesi potrebbe favorire un anomalo sviluppo di orzo e grano. Per ortaggi come come bietole e spinaci, che maturavano tra novembre e dicembre, è stata anticipata la raccolta di un mese. Ma il clima incide anche sul paesaggio. Si assiste, spiegano gli esperti, a una rapida risalita delle piante verso quote sempre più alte. E le aree umide assomigliano sempre più a delle steppe. Anche nel fine settimana è atteso vento caldo e la temperatura potrà ulteriormente salire. Per il freddo, insomma, bisognerà attendere metà della prossima settimana.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 8 dicembre 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA