Cantieri, furgoni e fatture false Scoperto un giro da 8 milioni

Cantieri, furgoni e fatture false
Scoperto un giro da 8 milioni

La Guardia di Finanza di Edolo ha concluso una verifica fiscale nei confronti di una società della Val Camonica attiva nel settore dei «lavori generali di costruzione edifici e ingegneria civile». Coinvolta anche la Bergamasca.

L’importo complessivo delle fatture false contestate, per gli anni d’imposta dal 2010 al 2016, è di circa 8 milioni di euro. Recuperata a tassazione un’Iva pari a circa 2 milioni di euro. Complessivamente sono 32 le persone, 5 della zona e 27 delle province di Bergamo, Brescia, Milano, Pavia, Cremona, Verona e Torino, denunciate per i reati di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti e di emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Le Fiamme Gialle hanno individuato l’utilizzo di false fatture per il noleggio di mezzi che in realtà risultavano impiegati, nello stesso periodo e contemporaneamente, in altri cantieri situati in varie provincie della Lombardia, Piemonte e del Veneto. I costi per i falsi noleggi venivano, contestualmente, «compensati» con ricavi fittizi dovuti all’emissione di altre fatture false a soggetti compiacenti e, dall’altro, i crediti Iva accumulati venivano utilizzati per chiudere i debiti tributari della società.


© RIPRODUZIONE RISERVATA