Capodanno a Bergamo, un successo
Migliaia in centro per salutare il 2020

Folla per l’evento organizzato dal Comune in centro. Imponenti le misure di sicurezza. Il momento clou con il concerto di Eugenio Bennato: ««Mi auguro e vi auguro un anno nuovo di curiosità verso il futuro». Tutte le foto.

Capodanno a Bergamo, un successo Migliaia in centro per salutare il 2020
Migliaia in centro a Bergamo per il Capodanno
(Foto di Bedolis)

Pienone in centro a Bergamo per il Capodanno. L’evento organizzato da Comune è stato ancora una volta un successo di pubblico, con il concerto di Eugenio Bennato che ha entusiasmato tutti. Migliaia le persone che si sono riversate in città già dalla prima serata di martedì 31 dicembre, fino a riempire completamente la piazza nei momenti clou, quello del conto alla rovescia e del brindisi di mezzanotte. Molti anche i turisti.

Imponenti le misure di sicurezza messe in campo e che hanno consentito che l’evento si svolgesse senza problemi né incidenti: nelle strade del centro, oltre alla polizia locale, la polizia di Stato, i carabinieri, la Guardia di finanza e 25 uomini di una vigilanza privata. Il limite massimo di persone consentito per entrare nell’area dei festeggiamenti era di cinquemila, numero abbondantemente raggiunto (e rigidamente fatto rispettare grazie ai contapersone in dotazione alle Forze di polizia) ma anche superato, considerato il cambio tra entrate e uscite.

La serata è stata aperta da Rino Ceronte, al secolo Umberto Abbati, affiancato da Lara Sak e Cristina Amaru con lo spettacolo «Intervista Doppia»; più tardi la Taranta con Eugenio Bennato. Attorno a mezzanotte il classico conto alla rovescia e il brindisi collettivo. Un quarto d’ora dopo la mezzanotte il dj set curato da Teddy Romano, chiamato ad animare la piazza per finire la notte di festa nel segno del ballo e di un grande karaoke. «Mi auguro e vi auguro un 2020 di curiosità verso il futuro – ha detto Bennato, fratello del cantante Edoardo –. Possa la musica riunire tutti i popoli» (le foto sono di Beppe Bedolis).

© RIPRODUZIONE RISERVATA