Capodanno, cani in fuga per i botti Raffica di segnalazioni su Facebook
Cagnolino trovato a Osio Sotto in via Vittorio Veneto: il padrone è stato ritrovato (Foto by Facebook - Guardie ambientali Bergamo)

Capodanno, cani in fuga per i botti
Raffica di segnalazioni su Facebook

Notte difficile nella Bergamasca anche per gli animali domestici e i loro padroni. Dalla mattinata del 1° gennaio sui social network si sono moltiplicate le segnalazioni relative a ritrovamenti di cani scappati dalle case durante i botti di Capodanno.

Nonostante gli appelli e i divieti, anche quest’anno nella Bergamasca non sono mancati i botti di Capodanno che hanno provocato non solo due feriti gravi ne diamo notizia in questo articolo e in questo – ma anche problemi agli animali domestici e ai loro proprietari. Il rumore dei petardi impaurisce gli animali e spesso causa reazioni inattese: impauriti e disorientati dagli scoppi, in molti casi scappano dalle loro case e finiscono in strada, con il rischio di perdersi o di essere investiti dalle auto.

Anche per questo nei giorni scorsi sono state diffuse sul web diverse guide, come quella del Comune di Bergamo , con l’obiettivo di aiutare i proprietari a tenere al sicuro cani e gatti durante la nottata.

Smarrita Gaia a Ranica (BG)

Posted by Guardie Ambientali Bergamo Onlus on Giovedì 31 dicembre 2015

Nella mattinata del 1° gennaio sui social network sono comparsi numerosi appelli di persone che hanno smarrito il loro amico a 4 zampe o che ne hanno trovato uno per strada. Le segnalazioni sono comparse sui vari gruppi Facebook dei paesi bergamaschi («Sei di...») oppure sulle pagine di associazione ed enti specializzati nella tutela degli animali. Si è dato molto da fare, per esempio, il gruppo delle «Guardie ambientali Bergamo onlus» che ha raccolto e rilanciato numerose segnalazioni, dalla Bassa all’hinterland, passando per l’Isola e le valli.

In più di un caso c’è stato già il lieto fine, grazie al microchip o grazie alla «potenza» dei social network. Il cagnolino nella foto principale (lo stesso che vedete nel post qui sotto) per esempio è riuscito a ritrovare i suoi padroni.

Trovato a Osio Sotto (BG)

Posted by Guardie Ambientali Bergamo Onlus on Giovedì 31 dicembre 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA