Cellulari e guida, in un anno 460 multe
Noi solo in un’ora ne abbiamo contati 46

Quanto sono indisciplinati i bergamaschi al volante? Senz’altro molto più di quanto non dicano i dati relativi alle multe. Dopo la lettera che chiedeva di far rispettare il codice della strada ai ciclisti abbiamo voluto verificare come si comportano gli automobilisti.

Cellulari e guida, in un anno 460 multe Noi solo in un’ora ne abbiamo contati 46

Lo abbiamo testato una mattina qualsiasi, in un orario qualsiasi, a un incrocio che non è proprio un incrocio come tanti altri. Quello di Porta Nuova è infatti uno dei crocevia più trafficati del centro ed è anche quello più vicino a un ufficio della polizia locale. Ebbene, in un’ora abbiamo pizzicato al semaforo esattamente la metà degli automobilisti multati nei primi cento giorni del 2017. Tanto per parlare di numeri, sotto i propilei si sono fermate in un’ora circa 360 automobili, a una media di una dozzina di macchine a ogni scatto di semaforo rosso. In 46, appena fermi, hanno preso in mano il telefonino, quasi assecondando un riflesso incondizionato.

Una percentuale del 13% che è elevatissima non solo in rapporto alle multe elevate dalla polizia locale di Bergamo - 93 dal 1° gennaio al 10 aprile e 460 l’anno scorso -, ma anche considerando il numero totale delle auto che sono state oggetto del nostro esperimento.

«Prendere in mano il telefonino al volante è una brutta abitudine che gli italiani ancora non riescono a superare – spiega il comandante della polizia locale, Gabriella Messina – e questo nonostante le campagne di sensibilizzazione e tanta prevenzione. È purtroppo un gesto che si fa quasi con normalità, senza pensare che parlare o consultare il telefono è causa di distrazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA