Cibo a domicilio, mascherine per i rider Ci pensano Comune e Cgil

Cibo a domicilio, mascherine per i rider
Ci pensano Comune e Cgil

Fornitura di mascherine per chi consegna i pasti a casa.

Mascherine per i rider che ci consegnano i pasti a casa: è l’iniziativa che il Comune di Bergamo e CGIL Bergamo hanno avviato mercoledì 15 aprile per ovviare alla mancanza di dispositivi di protezione che i fattorini in bici lamentano da tempo senza alcuna risposta da parte delle società di food delivery per le quali lavorano.

«La sicurezza è il primo dei requisiti per poter svolgere un’attività lavorativa necessaria, come appunto è quella della consegna dei pasti nelle case dei nostri concittadini in questo periodo di emergenza coronavirus. – racconta il Sindaco Giorgio Gori – Da una settimana la mascherina è obbligatoria su tutto il territorio lombardo e per cercare di ovviare alla situazione dei rider, ai quali le app di food delivery non garantiscono dispositivi di protezione di alcun genere per svolgere il proprio lavoro, abbiamo messo a disposizione 250 mascherine per i rider, a cui, grazie alla collaborazione con Cgil, verranno fornite anche di una guida in più lingue per consentire di lavorare in piena sicurezza.»

Cgil ha messo a disposizione un numero di telefono per tutti quei rider che non sono dotati di mascherina: contattando il numero 375.5893180 sarà possibile avere informazioni per ottenere l’adeguata protezione.

«Iniziamo oggi – commenta Francesco Chiesa, NIDIL-CGIL e Toolbox - a distribuire ai rider le mascherine fornite dal Comune di Bergamo. Troviamo assurdo che sia un ente pubblico a fornirle, soprattutto perché la legge introdotta a novembre obbliga le app di food delivery a dotare i propri rider di dispositivi di protezione gratuiti. Ad oggi non ci risulta siano stati consegnati. E’ più di un mese che i 30 fattorini in bici, attivi in città, si attrezzano a proprie spese (solo Deliveroo garantisce un rimborso massimo di 25€ per i prodotti sanitari acquistati). A Firenze un rider ha già ottenuto che un giudice obbligasse la piattaforma a fornire tutti i DPI. Anche noi siamo pronti a ricorrere alle vie legali nel caso in cui le applicazioni non forniscano immediatamente quanto dovuto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA