Città Alta, servono quattro milioni per restaurare il castello di San Vigilio
Il castello di San Vigilio

Città Alta, servono quattro milioni
per restaurare il castello di San Vigilio

Il gruppo di lavoro propone il recupero del castello in Città Alta. Il progetto: recuperare gli antichi edifici, aprire spazi di ricerca per le arti e le città fortificate.

Servono 4 milioni di euro per restaurare il castello di San Vigilio e realizzare i progetti ideati dal gruppo di lavoro «Castrum capelle onlus», un team di professionisti che immagina un futuro luminoso per il castello. Diverse le idee in campo: avviare uno scavo per scoprire i resti della cappella dedicata a Santa Maria Maddalena, del castello medievale e dell’antica cisterna romana; riqualificare gli edifici esistenti, la casa del Capitano, del Castellano e del Custode, ricavare mille metri quadri in spazi pubblici dedicati alle arti, istituendo un centro di ricerca sulle città fortificate, punto di riferimento per il sito Unesco di cui Bergamo fa parte con le sue Mura (castello compreso). Le risorse? Tutte da trovare.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 6 aprile 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA