Da Bergamo truffa nel Comasco Arrestato venditore porta a porta

Da Bergamo truffa nel Comasco
Arrestato venditore porta a porta

Enensima truffa e questa volta l’autore da Bergamo si è trasferito nel Comasco.

Un uomo di 35 anni residente nella Bergamasca ma originario dell’Albania, vendeva porta a porta sistemi di rilevamento di fughe di gas per conto di un’azienda del Bresciano ma in realtà truffava gli anziani che, purtroppo, abboccavano.

L’uomo è stato denunciato a piede libero dai carabinieri della stazione di Lurago d’Erba con l’accusa di tentata truffa. Le modalità di vendita, secondo i militari dell’Arma, sono infatti truffaldine, anche se il dispositivo è reale ma non dotato delle necessarie certificazioni.

Per il momento sono due i tentati raggiri ai danni di altrettante pensionate di Merone, rispettivamente dell’età di 84 e di 74 anni, ma secondo gli inquirenti il 35enne potrebbe aver truffato molte altre persone in provincia di Como. Come sempre il consiglio delle forze dell’ordine è di prestare sempre la massima attenzione e di segnalare le presenza di venditori «sospetti». Le società che inviano agenti nelle case per il porta a porta sono infatti tenute a segnalare ai Comuni e ai carabinieri la loro presenza. L’invito è quindi di diffidare e di verificare sempre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA