Domani è la festa delle donne Per loro più lavoro, ma più rischi

Domani è la festa delle donne
Per loro più lavoro, ma più rischi

Sono sempre di più le donne che lavorano anche se la crescita non basta a colmare il divario con l’Europa soprattutto a causa della scarsa partecipazione nel Sud del Paese: alla vigilia della Festa della donna il mercato del lavoro italiano – secondo i dati Istat riferiti al 2014 – si presenta molto segmentato con appena il 46,8% delle donne tra i 15 e i 64 anni occupate nel complesso risultato di tassi del 64,3% a Bolzano e del 27,4% in Sicilia.

Nonostante la crescita dell’occupazione femminile con 9,3 milioni di donne al lavoro nel 2014, circa tre milioni in più rispetto a 35 anni fa, diminuiscono gli infortuni totali anche se registrano un incremento i casi mortali. Secondo le ultime rilevazioni Inail, nel 2015 (dati non consolidati) le denunce sono state 225.534 con una riduzione del 4,6% sul 2014 mentre i casi mortali denunciati l’anno scorso sono stati 100 con un +6,4% rispetto al dato omogeneo del 2014 (estratto cioè alla fine dell’anno e non consolidato). Se si guarda ai dati consolidati 2014 le denunce di infortunio mortale di donne sono state 108 con 72 casi riconosciuti positivi. Per le donne, che comunque lavorano prevalentemente nei servizi piuttosto che in settori più a rischio infortuni come l’industria e le costruzioni, gli incidenti mortali anche se in crescita rappresentano circa un decimo del totale. La metà delle denunce di incidente mortale per le donne è «in itinere» ovvero nel percorso casa lavoro mentre per gli uomini la percentuale è del 21,6%.

Se si guarda all’intero territorio nazionale in Italia lavora in media meno di una donna su due (il 46,8%) tra i 15 e i 64 anni (il 50,3% tra i 20 e i 64 anni) e il dato è in lieve aumento nei primi tre trimestri del 2015 (il risultato del quarto trimestre e l’intero 2015 sarà diffuso il 10 marzo). Il divario nelle aree del Paese è consistente con il 56,9% di donne tra i 15 e i 64 anni occupate in media nel Nord e il 30,3% nel Sud. Su 9,3 milioni di donne al lavoro oltre 5 milioni sono residenti al Nord mentre poco più di 2,1 milioni sono occupate al Sud.

Ma le donne continuano a rischiare di infortunarsi prevalentemente in casa. Se gli incidenti sul lavoro complessivi sono poco meno di 240.000 in un anno gli infortuni in ambiente domestico che riguardano le donne sono almeno otto volte tanto con circa due milioni di donne, un terzo delle quali casalinghe.

Per questi incidenti le denunce nel 2014 sono state 720 (98% da parte di donne) con un calo del 22% sul 2013. Sono stati indennizzati 43 casi di rendita per menomazione permanente e due con rendita a superstiti per esito mortale dell’infortunio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA