Due tredicenni si perdono in Valle Imagna Ricerche nei boschi, trovati in poche ore

Due tredicenni si perdono in Valle Imagna
Ricerche nei boschi, trovati in poche ore

Un grande dispiegamento interforze, coordinato dal Soccorso alpino, come sempre accade in caso di interventi in ambiente impervio, in stretta collaborazione con i vigili del fuoco e i carabinieri, ha consentito lunedì 7 dicembre il ritrovamento di due ragazzi minorenni a poche ore dall’allertamento.

La richiesta di soccorso è giunta intorno alle 16: i due tredicenni si trovavano in Valle Imagna in una casa vacanza, insieme con altre persone appartenenti a una comunità evangelica. Nel pomeriggio si sono allontanati per una passeggiata nel bosco, alla ricerca di una grotta che si trova nei paraggi. Si sono però attardati e siccome cominciava a diventare buio, hanno perso l’orientamento e questo ha impedito il loro rientro presso la comunità. Immediata la richiesta di soccorso: sono subito partite le operazioni di ricerca, che ha impegnato tutta la VI Delegazione Orobica del CNSAS (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico). Dopo poche ore, i ragazzi sono stati ritrovati e riaccompagnati, incolumi, presso la casa vacanze.

Il lieto fine, spiegano dal Soccorso alpino, è stato reso possibile anche grazie a una conoscenza meticolosa dei sentieri del posto, in quanto i due ragazzi non avevano con loro il telefonino e quindi non erano raggiungibili in alcun modo. È stato necessario fare una serie di valutazioni sui possibili percorsi che avrebbero potuto scegliere, confrontarle con la rete di sentieri presente sul territorio e ottimizzare i tempi di ricerca: al buio e al freddo i rischi possono infatti aumentare. La struttura del Soccorso alpino è articolata in Stazioni, ambiti di competenza territoriale che coprono un preciso e determinato territorio: le squadre conoscono molto bene i sentieri e le aree, le condizioni in cui si trovano, le caratteristiche geomorfologiche e il loro mutare a seconda delle stagioni. Sono tutte informazioni fondamentali, soprattutto in caso di interventi di ricerca, durante i quali, in poco tempo, è necessario decidere in che modo concentrare le forze e gestire le risorse a disposizione.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola l’8 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA