Ecco la nuova autocertificazione «Bene  la vecchia con voci barrate»

Ecco la nuova autocertificazione
«Bene la vecchia con voci barrate»

Sul sito del Viminale è disponibile il nuovo modello di autodichiarazione per gli spostamenti utilizzabile da lunedì 4 maggio. Scaricala qui.

Scarica qui la nuova autodichiarazione diffusa dal Viminale.

Può comunque essere ancora utilizzato il precedente modello barrando le voci non più attuali: scaricala qui. L’autodichiarazione, spiega il ministero, è in possesso degli operatori di polizia e può essere compilata al momento del controllo.

Ecco le regole per compilarlo:
1. Riempire tutti gli spazi sull’identità della persona che effettua lo spostamento.
2. Compilare l’indirizzo da cui è cominciato lo spostamento e quello di destinazione
3. riempire tutti gli spazi barrando la casella «situazione di necessità»
4. nello spazio «a questo riguardo dichiara che...» specificare che si tratta di una visita a un “congiunto” inserendo soltanto il grado di parentela ma non l’identità.

L’autocertificazione può essere sostituita dal tesserino del lavoro oppure da una dichiarazione che però dovrà essere riscontrata.


© RIPRODUZIONE RISERVATA