«Era un uomo di grandi sogni». A Cividino l’addio a Roberto Mongodi

Roberto Mongodi il 53enne, senza fissa dimora, ex fornaio di Castelli Calepio, trovato morto la scorsa settimana a Bergamo , riposa ora a fianco del papà Bruno nel cimitero di Cividino.

«Era un uomo di grandi sogni». A Cividino l’addio a Roberto Mongodi

«Roberto era un uomo di grandi sogni e di grandi vedute; lo dimostrano le varie aperture di attività commerciali fatte nel corso degli anni a Sarnico e Clusane». Sono le parole di don Roberto Trussardi direttore della Caritas bergamasca, al funerale di Mongodi che si è svolto lunedì 17 gennaio nella parrocchiale di Santa Maria Addolorata di Cividino .

Con don Roberto hanno concelebrato il parroco don Emilio Belotti, don Luciano Locatelli, don Biagio Ferrari, don Claudio Forlani e don Massimo Fratus e Luciano Tengattini sacerdoti che in questi anni lo hanno conosciuto.

«Mi riempie il cuore la vostra numerosa presenza – ha proseguito poi don Trussardi - perché quando accompagniamo alcuni nostri fratelli con alle spalle esperienze simili a quelle di Roberto, a volte sono soli anche nell’ultimo momento della loro vita terrena. Quest’oggi non è così. Essere qui insieme per offrire Roberto nelle braccia di Dio è un segno bello, di grande umanità. Lo facciamo con la mamma, con tutti i parenti e tutti i conoscenti, invocando la presenza di Gesù che è, soprattutto per lui, una presenza di amore, perdono e Misericordia».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 18 gennaio .

© RIPRODUZIONE RISERVATA