Folla commossa ai funerali di Giovanetti «Sei stato una guida, un vero Maestro»
I funerali di Marco Giovanetti (Foto by frau)

Folla commossa ai funerali di Giovanetti
«Sei stato una guida, un vero Maestro»

Sul feretro, in una chiesa gremita e addolorata, anche un cuscino di fiori dei suoi allievi, che l’hanno voluto ringraziare così pubblicamente e per l’ultima volta.

Folla ai funerali di Marco Giovanetti, docente da oltre trent’anni al Conservatorio Donizetti della città, titolare di pianoforte principale: è spirato venerdì 31 maggio per una neoplasia. Un mese fa era stato ricoverato per un malore, ma poi il peggio sembrava scongiurato ed era tornato al suo posto.Fino a metà settimana aveva seguito i saggi dei suoi allievi, in particolare quello da solista di Joseph Mossali, con l’Orchestra del Conservatorio al Teatro Sociale.

Classe 1960, Giovanetti è stato direttore del Conservatorio tra il 1997 e il 1999 e poi tra il 2006 e il 2012. Allievo di Carlo Pestalozza, ne aveva preso il posto a metà degli anni ’80. Abruzzese di origini – la madre abita tutt’oggi in provincia di Chieti –  lascia un fratello e la moglie Lourdes, di origine spagnola.

L’Orchestra del Conservatorio

L’Orchestra del Conservatorio
(Foto by frau)

L’ingresso della bara in chiesa

L’ingresso della bara in chiesa
(Foto by frau)

La celebrazione in Sant’Alessandro in Colonna con monsignor Gianni Carzanica, don Nicola Brevi e don Gilberto Sessantini. Gremita la chiesa, numerosi i docenti e allievi presenti, oltre alle tante autorità, tra cui il presidente della Provincia, Gianfranco Gafforelli.Presente il Coro e l’Orchestra del Conservatorio. Numerosi i messaggi letti durante le esequie: «Sei stato una guida illuminante, un vero Maestro. Eri talmente avanti a tutti noi da avere il privilegio di precederci sulla via verso la luce», è uno dei tanti emozionanti messaggi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA