I messaggi vocali dopo il delitto «La rosa dalla a una delle tue belle»

I messaggi vocali dopo il delitto
«La rosa dalla a una delle tue belle»

Sul cellulare di Angelo Pezzotta i messaggi vocali di Chiara. Voleva un amico col furgone per salire dietro «in modo che lei non mi veda».

«Lo avremmo fatto già la settimana scorsa se tu avessi potuto». È del 4 gennaio il messaggio vocale che Chiara Alessandri manda all’amico Angelo Pezzotta di Seriate, l’autista che 13 giorni dopo andrà a prendere Stefania Crotti fuori dalla Pmg di Cenate Sotto per accompagnarla – inconsapevolmente – al suo appuntamento con la morte. Dunque, secondo gli inquirenti, già dalla fine di dicembre Chiara aveva architettato il tranello per far arrivare Stefania nel suo garage: per ucciderla, sostiene l’accusa, per chiarire le cose tra loro, sostiene la difesa. Chiara è molto convincente («abili doti di recitazione», si lascia sfuggire un investigatore, e in effetti aveva frequentato un corso di teatro) e sfrutta l’amicizia e una passata relazione con Pezzotta per farsi aiutare nel suo piano.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 23 gennaio 2019

© RIPRODUZIONE RISERVATA