Il quartiere Finardi si rifà il look Piano da mezzo milione, le vie coinvolte

Il quartiere Finardi si rifà il look
Piano da mezzo milione, le vie coinvolte

Il prossimo anno sono in arrivo la riqualificazione e il riordino delle strade interne del quartiere Finardi: il 2018 sarà infatti l’anno in cui saranno ridefinite Via Vezza d’Oglio, via Volturno, via Bezzecca, via Lesbia Cidonia, via Milazzo, via Castellini, via Medici. Non si può parlare di una vera e propria zona30, ma di un riordino complessivo della zona, anche l’istituzione di nuovi sensi unici e l’allargamento dei marciapiede.

La Giunta del Comune di Bergamo ha approvato nell’ultima seduta il progetto esecutivo dell’intervento. Il piano provvederà anche a creare scivoli e rampe in concomitanza degli attraversamenti pedonali, all’abbattimento delle barriere architettoniche, alla sistemazione della pavimentazione delle carreggiate, alla realizzazione di percorsi tattili per ipovedenti e non vedenti, al rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale, all’adeguamento della rete di smaltimento delle acque meteoriche anche grazie alla realizzazione di nuove caditoie stradali.

È quindi di un lavoro di riqualificazione completa delle strade del quartiere, una delle zone residenziali della parte nord-est della città, compresa tra lo Stadio, Borgo Santa Caterina e l’area dismessa Reggiani. Si tratta di una zona che negli anni è stata protetta dal traffico parassitario e dal divenire strada di raccordo tra le direttrici di via Corridoni e viale Giulio Cesare. Sin dagli anni ’50 l’incrocio tra la via Milazzo e la via Vezza d’Oglio erano ubicati dei paracarri in pietra con catena proprio al fine di impedire un collegamento diretto dalla via Corridoni alla via Giulio Cesare. Con il tempo i paracarri sono stati sostituiti da 3 transenne, e di recente sono stati collocati dei pilomat in corrispondenza degli accessi al quartiere che, in occasioni delle partite che si svolgono nel vicino stadio, si sollevano così da garantire una maggiore sicurezza dei residenti e una gestione più controllata del traffico veicolare.

Interventi di questo genere sono in genere pensati per prevenire incidenti gravi, causati dall’eccessiva velocità, che spesso vedono come vittime pedoni e ciclisti ed in particolare bambini e anziani, per ridurre l’inquinamento acustico ed ambientale e anche per restituire a tutti i cittadini il piacere di vivere il proprio quartiere, senza per questo impedire il passaggio delle auto.

L’intervento si svolgerà per fasi e avrà durata di 150 giorni complessivi, con un investimento da parte del Comune di Bergamo di ben 500 mila euro. «Un altro intervento importante per il 2018 sarà la ridefinizione delle strade del quartiere Finardi – sottolinea l’Assessore ai Lavori Pubblici Marco Brembilla –. Dopo la realizzazione della Zona 30 del Villaggio degli Sposi (che sarà completata con un secondo lotto nel prossimo anno grazie al finanziamento del Bando Periferie), la nostra amministrazione avvia la realizzazione mette mano alle strade di un’altra zona centrale della città: si tratta di un investimento importante, che rientra a pieno titolo nel piano di messa in sicurezza delle strade e dei passaggi di pedonali su cui lavoriamo sin dal nostro insediamento. Sono stati molti gli interventi di questo genere negli ultimi due anni, penso alla messa in sicurezza dei percorsi casa-scuola, la riqualificazione di sei strade a Celadina, lo stesso intervento al Villaggio degli Sposi, l’abbattimento di barriere architettoniche in diversi quartieri della città e molto altro ancora. La cosa più importante è la continuità che stiamo dando a questo tipo di interventi, a dimostrazione di un’attenzione costante alla vivibilità dei quartieri e alla sicurezza stradale».

La relazione tecnica dell’intervento


© RIPRODUZIONE RISERVATA