In elicottero a Parzanica per i vaccini Il grazie dei «nonni» isolati dalla frana

In elicottero a Parzanica per i vaccini
Il grazie dei «nonni» isolati dalla frana

«A noi basta il vostro sorriso e siamo già contenti»: così gli operatori hanno risposto agli anziani di Parzanica raggiunti nella mattinata di martedì 2 marzo in elicottero per la somministrazione dei vaccini anti Covid nel paese isolato dalla frana sul lago d’Iseo.

«A noi basta il vostro sorriso e siamo già contenti»: così gli operatori hanno risposto agli anziani di Parzanica raggiunti nella mattinata di martedì 2 marzo in elicottero per la somministrazione dei vaccini anti Covid nel paese isolato dalla frana sul lago d’Iseo.

Nella giornata di oggi due infermieri dell’Asst Bergamo Est insieme al direttore sanitario Gabriele Perotti e all’infettivologo Enrico Bombana sono sbarcati sul piccolo Comune lacustre con un elicottero: la località sebina, che conta meno di 400 abitanti, è infatti isolata da giorni a causa della frana che sta interessando il monte Saresano.

Le autorità sanitarie d’intesa con le istituzioni locali hanno quindi deciso di portare vaccini e personale sul posto via elicottero con il supporto della Protezione civile. Oggi saranno somministrate una quarantina di dosi (tutte Moderna) riservate alla popolazione over 80, convocata direttamente dal Comune di Parzanica. Grazie alla collaborazione del sindaco di Parzanica, Battista Cristinelli, e di Alberto Maffi, primo cittadino di Gandosso e presidente dell’assemblea dei sindaci dell’Ambito, è stato possibile attivare in tempi rapidi una task force per vaccinare i cittadini del paese isolato.

Per assicurare gli interventi di soccorso nel comune, il Comando dei Vigili del fuoco ha provveduto ad montare un’Aps Canter e un gruppo fari in modo da poter raggiungere la località in caso di intervento di soccorso con mezzi più leggeri e di dimensioni ridotte attraverso una vecchia mulattiera in circa 40 minuti.

Questo presidio sarà mantenuto sino a quando non sarà sistemata a strada agrosilvopastorale Colderone che consentirà il ripristino dei collegamenti anche con mezzi pesanti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA