In ginocchio per George Floyd
Bergamo contro il razzismo - Foto

La pioggia non ha fermato i molti manifestanti che domenica pomeriggio 7 giugno intorno alle 16 sono scesi in piazza Matteotti per un presidio in memoria di George Floyd, il quarantaseienne afroamericano ucciso il 25 maggio dalla polizia a Minneapolis, negli Stati Uniti.

In ginocchio per George Floyd Bergamo contro il razzismo - Foto

«Non facciamo parte di nessuno schieramento politico - spiegano alcuni degli organizzatori, Wiam Bouqallaba, Soukaina Ait - Loufi, Stefano Quaglia e Maria Vittoria Piantoni - e abbiamo seguito l’onda delle manifestazioni nate in America per la morte di George Floyd, scendendo in piazza per dire che anche qui esiste il razzismo».

Lo striscione «Da Minneapolis al mediterraneo, sott’acqua o sotto un ginocchio. I can’t breathe. Black lives matter» ha accompagnato i giovani manifestanti: secondo gli organizzatori erano circa un migliaio che si sono messi in ginocchio con il pugno alzato, stando in silenzio per 8 minuti e 46 secondi, in onore di George Floyd.

© RIPRODUZIONE RISERVATA