In giro e a casa, cosa si può fare in Lombardia con il nuovo Dpcm

In giro e a casa, cosa si può fare
in Lombardia con il nuovo Dpcm

Il Dpcm In Lombardia scatteranno con la zona gialla. Dal 21 dicembre al 6 gennaio vietati gli spostamenti tra regioni. A Natale e Capodanno non ci si potrà muovere neppure tra comuni. E le feste «raccomandate» solo con i conviventi.

Dal 7 gennaio. La didattica in presenza sarà estesa al 75% degli studenti delle superiori. Nuovo Dpcm, nuova vita. E nuovi quesiti. Il decreto firmato dal premier Giuseppe Conte introduce alcune novità importanti cui adeguarsi. In particolare per le zone gialle, con lo scenario che a breve tutte le regioni - e per la Lombardia è questione di giorni, dal 12-13 dicembre - dovrebbero entrare in quel colore.

1. Fino a quando è valido il Dpcm?

È in vigore dal 4 dicembre e lo sarà fino al 15 gennaio 2021. Per le regioni in zona arancione valgono sostanzialmente le norme previste dai precedenti provvedimenti firmati dal governo, fino a quando una nuova ordinanza non le porterà in zona gialla. I cambiamenti principali, come detto, riguardano le zone gialle.

2. Come funziona il nuovo coprifuoco?

Dalle 5 alle 22 nelle zone gialle ci si può muovere liberamente. Dalle 22 alle 5, invece, si può uscire di casa solo per motivi di lavoro o di necessità. Nella notte tra il 31 dicembre e il 1° gennaio, l’orario del coprifuoco cambia leggermente: sarà dalle 22 alle 7 del mattino.

3.Ma quindi posso andare in un’altra regione?

Se ci si trova in una regione gialla, fino al 20 dicembre si può andare in un’altra regione gialla. Dal 21 dicembre al 6 gennaio, invece, è vietato lo spostamento tra regioni, al di là del colore. Dal 7 al 15 gennaio, invece, è di nuovo consentito spostarsi da una regione gialla a un’altra gialla.

4.Come si festeggia il Natale?

Il 25 dicembre, 26 dicembre e il 1° gennaio è vietato ogni spostamento tra comuni. Dunque niente ricongiungimenti per chi abita in località diverse. In generale, in casa «è fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza».

5.Ma posso andare a pranzo al ristorante il giorno di Natale?

Se la Lombardia è in zona gialla, sì. Con una precisazione: si potrà andare solo in un ristorante ubicato nel proprio comune.

6.Posso andare nella seconda casa?

Sì, ma entro il 20 dicembre e poi dopo il 7 gennaio. Dal 21 dicembre al 6 gennaio è infatti vietato lo spostamento nelle seconde case che si trovano fuori dalla propria regione. Viceversa, anche a ridosso delle feste si può rientrare dalla seconda casa verso la propria residenza.

7.I ristoranti dunque sono aperti?

In zona gialla, bar e ristoranti possono restare aperti dalle 5 alle 18. Al tavolo si potrà stare al massimo in quattro: la deroga è concessa solo se tutti sono conviventi. La consegna a domicilio è sempre consentita; l’asporto è possibile sino alle 22 con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Dopo le 18 è sempre vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici. I ristoranti all’interno degli hotel e in altre strutture ricettive dalle 18 del 31 dicembre alle 7 del 1° gennaio potranno fare solo servizio in camera.

8.I negozi sono aperti?

Sì, tutti. Fino al 6 gennaio, l’apertura degli esercizi commerciali al dettaglio è consentita fino alle 21. Nei festivi e prefestivi devono tenere chiuso i negozi all’interno dei centri commerciali, ad eccezione di farmacie e parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi ed edicole.

9. L’attività sportiva è permessa?

Attività sportiva e attività motoria sono consentite dalle 5 alle 22 all’aperto, osservando il corretto distanziamento. Piscine e palestre restano chiuse. Lo sport di contatto è invece ancora sospeso.

10. Devo rientrare dall’estero: quale procedura seguo?

Dal 10 dicembre al 20 dicembre, e poi dal 7 al 15 gennaio, chi arriva in Italia da un Paese europeo dovrà dimostrare di aver effettuato un tampone nelle 48 ore precedenti all’ingresso nel territorio nazionale, con esito negativo, e non dovrà fare la quarantena; per gli altri, sono previsti 14 giorni di isolamento. Tra 21 dicembre e 6 gennaio, chi ha soggiornato in un Paese europeo per turismo e rientra in Italia dovrà comunque osservare la quarantena. La quarantena vale sempre per chi rientra da un Paese extra europeo.

11. Gli studenti delle superiori quando rientrano in classe?

Dal 7 gennaio. La didattica in presenza sarà estesa al 75% degli studenti delle superiori.


© RIPRODUZIONE RISERVATA