Internet veloce e risparmio energetico La Regione punta forte: mezzo miliardo

Internet veloce e risparmio energetico
La Regione punta forte: mezzo miliardo

Forti investimenti nella banda ultra larga e nell’efficientamento energetico. Nelle prossime settimane in Lombardia arriveranno bandi per oltre mezzo miliardo di euro nell’ottica di una modernizzazione del territorio, tenendo come punto fermo però il rispetto dell’ambiente.

La scorsa settimana in giunta regionale è stata approvata una delibera, proposta dall’assessore all’Ambiente Claudia Terzi, che prevede l’estensione della linea da almeno 30 Mbps al 100% del territorio regionale entro il 2016. E nelle prossime settimane l’ex sindaco di Dalmine porterà a casa altre delibere che ruotano attorno al concetto di sviluppo sostenibile.

Claudia Maria Terzi

Claudia Maria Terzi

Assessore Terzi quanto verrà investito sulla banda ultra larga e sullo sviluppo sostenibile in regione? «L’accordo sulla banda ultra larga porterà investimenti per oltre 450 milioni di euro. Ed entro la fine di questa estate siamo pronti a mettere sul piatto almeno altri 100 milioni di euro in bandi per gli enti locali per l’efficientamento energetico, l’illuminazione pubblica, la mobilità elettrica e tutto quanto ruota intorno allo sviluppo sostenibile».

Anche la Bergamasca deve aspettarsi investimenti significativi? «Sono convinta che i comuni lombardi, e quindi anche quelli della Bergamasca, sapranno cogliere le grandi opportunità dei prossimi mesi. Penso, ad esempio, al bando sull’illuminazione pubblica che vale 45 milioni di euro. I comuni potranno risparmiare riducendo i consumi e migliorando i servizi come il Wi-fi o la videosorveglianza integrata. Il bando sull’efficienza energetica mette sul tavolo altri 43 milioni per gli edifici pubblici come scuole, asili e strutture sportive. Poi ci sono 20 milioni di euro come dotazione finanziaria per la rete di ricarica elettrica. Da qui a fine estate assegneremo queste risorse. Uno sforzo enorme da parte della Regione Lombardia».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola lunedì 11 aprile 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA